Francesco Contarini

doge della Repubblica di Venezia
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Francesco Contarini (disambigua).

Francesco Contarini (Venezia, 28 novembre 1556Venezia, 6 dicembre 1624) fu il 95º doge della Repubblica di Venezia dall'8 settembre 1623 sino alla morte.

Francesco Contarini
Портрет дожа Франческо Контарини.jpg
Il doge Francesco Contarini ritratto da Tintoretto nel XVII secolo
Doge di Venezia
Stemma
Stemma
In carica 8 settembre 1623 –
6 dicembre 1624
Predecessore Antonio Priuli
Successore Giovanni I Corner
Nascita Venezia, 28 novembre 1556
Morte Venezia, 6 dicembre 1624
Sepoltura Venezia, Chiesa di San Francesco della Vigna
Dinastia Contarini
Padre Bertucci Contarini
Madre Laura Dolfin
Religione Cattolicesimo

Figlio di Bertucci e Laura Dolfin, uomo di indiscusso valore ed elogiato persino dai nemici, regnò solo quattordici mesi (di cui gli ultimi sei fu malato) e quindi il suo dogato non è molto importante nella storia della città lagunare.

BiografiaModifica

Infanzia ed educazioneModifica

Rimasto orfano in tenera età con altri due fratelli, il Contarini ebbe la fortuna d'appartenere ad una ricchissima famiglia e di potersi permettere una notevole istruzione.

Carriera diplomaticaModifica

Amante dei viaggi si dedicò alla carriera diplomatica, impressionando tutti i sovrani presso i quali andò.

Uomo di raffinata cultura era anche pratico ed era noto per anteporre l'interesse dello stato al proprio.

DogatoModifica

 
Un busto del doge Francesco Contarini a San Francesco della Vigna

Il Contarini in realtà non desiderava proprio l'alta carica che gli fu destinata l'8 settembre 1623 ma venne costretto ad accettare quando, dopo ben ottantuno scrutini, non si riuscì a trovare nessun concorrente. Curiosamente molti membri della sua famiglia che salirono al dogato non lo desideravano affatto ma furono costretti dalle circostanze.

Nonostante quell'imposizione egli non dovette compiere grandi imprese come i suoi antenati; partecipò a molte feste, come ormai era consuetudine per i dogi a quei tempi, e si limitò alla pubblica amministrazione. La guerra di Valtellina proseguì senza novità e già dal giugno 1624 iniziò a star male: Pur non vecchissimo forse i doveri di governo lo debilitarono e peggiorò rapidamente.

MorteModifica

Il 6 dicembre 1624 Francesco Contarini morì, senza aver potuto incidere come voleva lui sull'andamento dello stato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13512429 · ISNI (EN0000 0000 7101 2739 · SBN VEAV052860 · CERL cnp01132158 · LCCN (ENno2009139558 · GND (DE133857999 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009139558