Francesco Musso

pugile italiano
Francesco Musso
Francesco Musso 1960.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 167 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi piuma e leggeri
Ritirato 12 agosto 1966
Carriera
Incontri disputati
Totali 28
Vinti (KO) 24 (7)
Persi (KO) 4 (0)
Palmarès
Transparent.png Mondiali Militari
Oro Bologna 1958 Pesi leggeri
Transparent.png Mondiali Militari
Oro Wiesbaden 1960 Pesi leggeri
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Roma 1960 pesi piuma
 

Francesco Musso (Port-Saint-Louis-du-Rhône, 22 agosto 1937) è un ex pugile italiano.

È stato campione olimpico dei pesi piuma alle Olimpiadi di Roma del 1960.

BiografiaModifica

Piemontese di Acqui Terme, benché nato in Francia, ha ottenuto risultati soprattutto nei dilettanti, dove ha svolto una carriera di valore assoluto.

Carriera tra i dilettantiModifica

Dopo aver vinto la medaglia d'argento ai Campionati italiani nel 1957 a Bologna, si laurea Campione italiano dei pesi piuma, nel 1958, a Terni[1].

Passato ai pesi leggeri, vince la medaglia d'oro ai Campionati mondiali militari, nel 1958, a Bologna e nel 1960, a Wiesbaden. Lo stesso anno, a Torino, è ancora oro ai Campionati italiani, nei leggeri[1]. In questa categoria, però, milita anche il milanese Sandro Lopopolo. In vista delle Olimpiadi di Roma, il selezionatore azzurro Natalino Rea, decide di far scendere di categoria Musso, per farlo combattere nuovamente nei piuma[2].

L'astuzia di Rea ebbe pieno successo. Alle Olimpiadi, Musso vinse tutti e cinque gli incontri, conquistando così la medaglia d'oro dei pesi piuma, contro lo jugoslavo Miloslav Paunovic (4-1), il sudcoreano Soon Chun-Song (5-0), il sovietico Boris Nikanorov (3-2), il finlandese Jorma Limmonen (5-0) e, in finale, il polacco Jerzy Adamski (4-1)[1]. Lopopolo, a sua volta, vinse la medaglia d'argento dei leggeri.

Complessivamente, Musso combatté 82 incontri tra i dilettanti, con 65 vittorie, 10 sconfitte e 7 pari[1].

Carriera tra i professionistiModifica

Musso passò al professionismo subito dopo le Olimpiadi, nei pesi leggeri. Perse l'imbattibilità al 18° match, il 28 maggio 1962, a Bologna, contro Jean Dantas.

Non ha mai combattuto per titoli nazionali o internazionali. Gli unici suoi incontri all'estero, rispettivamente a Helsinki contro Olli Mäki e a Madrid contro Manuel Calvo si sono conclusi con una sconfitta. Quello con Calvo, il 12 agosto 1966 fu il suo ultimo incontro, dopo di che abbandonò l'attività agonistica.

Il suo record, tra i professionisti, è stato di 28 incontri, di cui 24 vinti e 4 persi[3].

OnorificenzeModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
— 15 dicembre 2015[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Francesco Musso su Sport & Note
  2. ^ Orlando “Rocky” Giuliano, Storia del pugilato, Longanesi, Milano, p.153
  3. ^ Record professionale di Francesco Musso in BoxRec.com, su boxrec.com. URL consultato il 30 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2012).
  4. ^ Collari d'oro 2015, su coni.it. URL consultato il 27 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica