Apri il menu principale

Franz Turchi

Giornalista e politico italiano
(Reindirizzamento da Francesco Turchi)
Francesco Turchi

Francesco Turchi detto Franz (Napoli, 5 maggio 1893Roma, 17 dicembre 1976) è stato un giornalista, politico e editore italiano, fondatore del quotidiano Secolo d'Italia.

BiografiaModifica

Nacque a Napoli il 5 maggio 1893 da Luigi, avvocato e da Livia Englen, nobildonna discendente da una famiglia calabrese di origini tedesche[1][2]; suo nonno paterno fu il patriota Marino Turchi (1808-1890).[1]

Laureato in giurisprudenza, partecipò alla prima guerra mondiale come ufficiale del Regio Esercito[3]; al termine del conflitto aderì al Partito Nazionale Fascista, di cui fu segretario federale a Napoli, Ragusa, Messina e Catanzaro.[4] Dopo la caduta del Fascismo aderì alla Repubblica Sociale Italiana e ricoprì l'incarico di prefetto di La Spezia (1943-1944).[5] Sulla sua esperienza di prefetto nella provincia ligure, nel 1947 pubblicò il volume Prefetto con Mussolini.[4]

Nel dopoguerra aderì al Movimento Sociale Italiano, nelle cui file fu eletto senatore nella II, III, IV e V legislatura della Repubblica Italiana (1953-1972). Nel 1952 fondò a Roma il quotidiano Secolo, poi divenuto Secolo d'Italia, di cui fu anche direttore fino al 1963, quando la società editrice venne ceduta al politico missino Arturo Michelini. Nel 1962 pubblicò il volume Ho difeso il M.S.I. perché la pacificazione trionfasse.

Sposato con Giulia Giusso, nobile dei marchesi della Schiava[6], fu padre del giornalista e politico Luigi Turchi, deputato del MSI nella IV, V e VI legislatura, e nonno paterno di Franz Turchi, figlio del precedente, deputato al Parlamento europeo con Alleanza Nazionale. Morì a Roma il 17 dicembre 1976.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) I. Giordani, S. Taylor, Who's who in Italy 1957-1958, vol. 1, Milano, Intercontinental Book & Publishing, 1958, p. 952.
  2. ^ Famiglia Englen, su nobili-napoletani.it. URL consultato il 29 ottobre 2017.
  3. ^ A. Baldoni, La Destra in Italia 1945-1969, vol. 2, Roma, Pantheon, 2000, nota 3, p. 434.
  4. ^ a b Chi è? Dizionario biografico degli italiani d'oggi., Roma, Scarano, 1957, p. 557.
  5. ^ M. Missori, Governi, alte cariche dello stato e prefetti del Regno d'Italia, 3ª ed., Roma, Edigraf, 1989, p. 497.
  6. ^ Famiglia Giusso, su famiglienobilinapolitane.it. URL consultato il 29 ottobre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie