Apri il menu principale

Fredi Chiappelli

storico della lingua e della letteratura italiana

Fredi Chiappelli, noto anche come Federico Chiappelli, (Firenze, 24 gennaio 1921Los Angeles, 22 marzo 1990), è stato un filologo, storico della letteratura e storico della lingua italiano.

Indice

BiografiaModifica

Era figlio del presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno (fondata da Cosimo I de’ Medici il 13 gennaio 1563), Francesco Chiappelli, che aveva sposato Maria, figlia dello storico del diritto romano Ludovico Zdekauer, uno studioso nato a Praga.

Fredi crebbe dunque in un ambiente in cui l'approccio scientifico alla cultura era una cosa ovvia. Dopo aver conseguito la laurea in linguistica all'Università di Firenze nel 1945 ed essere stato per breve tempo lettore all'Università di Firenze, ha proseguito i suoi studi presso l'Università di Tubinga e l'Università di Zurigo. Dal 1947 al 1969 ha avuto una cattedra universitaria nelle Università di Losanna e Neuchâtel, dove ha insegnato in francese. Nel 1969 è stato prima professore di lingua italiana presso l'UCLA e poi dal 1972 al 1988 è stato direttore del Centro per gli studi medievali e rinascimentali dell'UCLA[1]. La sua attività ha portato l'istituto di ricerca a una posizione di leadership in questa area negli Stati Uniti. È stato visiting professor in varie università negli Stati Uniti, Canada, Scandinavia, Spagna e Australia[2].

Attività scientificaModifica

Chiappelli ha affrontato una serie di argomenti, incentrati principalmente sugli autori italiani rinascimentali. È considerato il principale ricercatore su Petrarca nel mondo. Ogni anno ha organizzato al Center for Medieval and Renaissance Studies diverse conferenze internazionali (35 in 16 anni) per promuovere la collaborazione di scienziati di tutto il mondo. Nello stesso periodo, il Centro pubblicò ottanta libri scientifici.

Nel 1980 ha anche gettato una pietra nell'acqua con la conferenza internazionale Sport and the Emergence of the Modern Spirit, in cui si chiedeva se il pensiero moderno del Rinascimento non avesse anche un'influenza sull'idea moderna di sport[3].

Si è espresso se stesso soprattutto come linguista, che padroneggiava non solo le lingue moderne (tedesco, inglese, francese, italiano, spagnolo e latino), ma anche le loro prime forme medievali.

La sua opera madre, una serie di mostre e conferenze per il 500º anniversario dello sbarco di Colombo in America, non poté essere portato a termina a causa di una malattia. Il database WorldCat contiene 292 opere di o su di lui.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Center for Medieval and Renaissance Studies
  2. ^ Dutschke
  3. ^ Fredi Chiapelli: Vorwort. In: Arnd Krüger, John McClelland (a cura di): Die Anfänge des modernen Sports in der Renaissance (= Beiträge und Quellen zu Sport und Gesellschaft. vol. 2 ). Arena Publications, Londra 1984, ISBN 0-902175-45-9, pag. 3.
  4. ^ Catalogo degli Accademici

BibliografiaModifica

  • Dennis Dutschke, In Memoriam: Fredi Chiappelli von Zdekauer (1921–1990), in Italica, 67, 1990, n. 4, pag. vii–ix (on line su JSTOR)..
  • Dennis J. Dutschke, Pier Massimo Forni, Filippo Grazzini, Benjamin R. Lawton, Laura Sanguineti (a cura di): Forma e parola. Studi in memoria di Fredi Chiappelli. Bulzoni, Roma 1992, ISBN 88-7119-504-3.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108837902 · ISNI (EN0000 0000 8173 8146 · SBN IT\ICCU\CFIV\028549 · LCCN (ENn82084164 · GND (DE119364190 · BNF (FRcb12038140h (data) · BAV ADV11631955