Fritz Heckert

rivoluzionario e politico tedesco

Friedrich Carl Heckert, detto Fritz (Chemnitz, 28 marzo 1884Mosca, 7 aprile 1936), è stato un rivoluzionario e politico tedesco.

Fritz Heckert

BiografiaModifica

Operaio edile, fu membro dal 1902 del sindacato dei muratori e del Partito Socialdemocratico di Germania, sostenendone l'ala sinistra guidata da Rosa Luxemburg. Tra il 1908 e il 1912 lavorò in Svizzera, dove conobbe numerosi rivoluzionari russi emigrati. Durante la prima guerra mondiale si batté contro lo sciovinismo e a favore di un'uscita rivoluzionaria da guerra. Aderì alla Lega di Spartaco e per l'attività sovversiva fu espulso dal partito e arrestato dalla polizia. Liberato in occasione della Rivoluzione di novembre del 1918, fu tra i fondatori del Partito Comunista di Germania, nel 1920 fu eletto deputato del Reichstag e nel 1923 divenne ministro del governo rivoluzionario della Sassonia. Fu delegato ai Congressi del Comintern, del cui Comitato esecutivo diventò membro nel 1935. Morì a Mosca nel 1936 e l'urna con i suoi resti fu posta nella necropoli delle mura del Cremlino.[1]

NoteModifica

  1. ^ Abramov, pp. 228-230.

BibliografiaModifica

  • (RU) Aleksej Abramov, U Kremlëvskoj steny [Presso le mura del Cremlino], 2ª ed., Mosca, Izdatel'stvo političeskoj literatury, 1978.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32794016 · ISNI (EN0000 0000 2280 9530 · LCCN (ENn84045290 · GND (DE11885545X · J9U (ENHE987007299025105171 · WorldCat Identities (ENlccn-n84045290
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie