Apri il menu principale

Gabbia (allevamento)

oggetto limitante la libertà di animali
Gabbia per uccelli
Gabbia per conigli

La gabbia è un oggetto, spesso di metallo o di legno limitante parzialmente o totalmente la libertà di animali in generale.

Le dimensioni, i materiali e gli accessori all'interno della gabbia dipendono dal numero e dal tipo di animali che si trovano in essa.

Classificazione per dimensioniModifica

Gabbie trasportabiliModifica

Nel caso di animali di piccole dimensioni, quali sono gli animali domestici (per esempio gatti, cani, parrocchetti, canarini, conigli, o criceti) le gabbie possono essere trasportabili, quindi dotate di maniglia per il trasporto e di dimensioni contenute. Questi tipi di gabbie possono essere utilizzate per il trasporto degli animali durante i viaggi in aereo, per i quali è in genere necessario che le dimensioni della gabbia e il peso complessivo della gabbia e dell'animale non superino determinati valori limite.[1]

AccessoriModifica

 
Ruota per criceti

Le gabbie devono prevedere al loro interno degli accessori che permettano all'animale di espletare le proprie funzioni vitali, ovvero: mangiare, bere, dormire, nidificare, ecc. Altri accessori invece hanno fini estetici o ludici. Alcuni tipi di accessori sono:[2]

  • mangiatoia: contenente il cibo
  • beverino: composto da un piccolo serbatoio contenente acqua per dissetare l'animale
  • lettiera: per raccogliere gli escrementi degli animali
  • nido: per allevare i cuccioli
  • ruota (per i criceti)
  • altalene (per i volatili)

Gabbie fisseModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: voliera.
 
Una gazzella all'interno di una gabbia in uno zoo.

Con il nome di "gabbia" vengono anche designate delle strutture fisse, di dimensioni decisamente maggiori delle precedenti, ad esempio quelle utilizzate negli zoo per il contenimento di grossi mammiferi (ad esempio leoni o orsi) o altri animali (o gruppi di animali) che abbiano bisogno di un ampio spazio per sopravvivere. A questo tipo di gabbie appartengono le voliere.

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su dogwelcome.it. URL consultato il 28 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2009).
  2. ^ lagrandecuccia.it

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica