Apri il menu principale

Generoso Simeone (Castelpoto, 6 settembre 1944Foggia, 29 ottobre 2000) è stato un politico italiano, giornalista ed ideatore dei Campi Hobbit del Fronte della Gioventù.

BiografiaModifica

Sposato, padre di tre figlie, milita fin da giovanissimo nel MSI, sino alla fine degli anni settanta. La vicenda politica di Generoso Simeone inizia, intorno negli anni cinquanta, con la decisione di Pino Rauti di uscire dal partito fondando il movimento culturale Ordine Nuovo. Generoso sarà il referente regionale per la Campania.

La struttura organizzativa di Ordine Nuovo, le sue finalità lo influenzeranno in seguito nelle scelte politiche e di lavoro.

Nel 1972 dirige il periodico di politica e cultura L'Alternativa, nelle cui pagine si leggeranno i contributi intellettuali fra gli altri di Marcello Veneziani, Gennaro Malgieri, Marco Tarchi ma anche politici quali Pasquale Viespoli, Petrucciano ed altri.

Scriveva Simeone nell'articolo di apertura de L'Alternativa: «Non è più possibile restare alla finestra a guardare un mondo che va in rovina, una civiltà che viene distrutta… ci vuole una politica di intervento, una politica che incide, qualifica, chiarisce, una politica che graffia e che colpisce, una politica di alternativa globale…che faccia balenare un mito e un'idea per le nuove generazioni, capace di affascinare e trascinare per la creazione di un nuovo ordine sociale. L'Europa si unisca e torni al suo primato di civiltà».

Analogo linguaggio viene utilizzato per Segnali, un nuovo periodico locale indipendente fondato da Generoso Simeone nel 1987.

Delusioni personali e contrasti politici con Rauti, la sconfitta del Campo Hobbit, nel quale aveva creduto fermamente, lo portarono nel 1978 ad allontanarsi dalla scena politica nazionale.

Dal 1991 al 1993 fu assessore al comune di Castelpoto, suo paese natale, in una giunta composta da membri del MSI-DN e del PDS; dal 1993 al 1997 fu consigliere comunale con il MSI-DN.[1]

Il giornale Segnali viene chiuso nel 1999, per crisi economica.

Nel maggio 2015 sua figlia Marina, candidato sindaco, è stata eletta consigliere comunale di minoranza a Castelpoto.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica