Gengivorragia

Il sanguinamento al sondaggio, conosciuto anche come sanguinamento delle gengive o gengivorragia è un termine usato dagli odontoiatri per descrivere la perdita di sangue nel tratto orale in seguito ad una lieve manipolazione meccanica che avviene nel fondo del solco gengivale o nell'interfaccia tra gengiva e dente. Detto anche bleeding on probing (BOP), esso costituisce una manifestazione dell'infiammazione e può indicare erosione, distruzione o ulcerazione del rivestimento del solco gengivale.[1]

Periodonto. Con la lettera G si indica il solco gengivale che contribuisce all'eziopatogenesi della gengivorragia.

Il sangue proviene dai capillari della lamina propria della mucosa del solco gengivale. Essi possono rompersi facilmente se la zona è ulcerata.[2]

CauseModifica

Ci sono molteplici cause che generano gengivorragia. Le più comuni sono:[3]

Altre cause meno comuni sono:

NoteModifica

  1. ^ CARRANZA'S CLINICAL PERIODONTOLOGY, 9ª ed., 2002, p. 447.
  2. ^ gingival, in The Free Dictionary. URL consultato il 10 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Bleeding gums: MedlinePlus Medical Encyclopedia, su www.nlm.nih.gov. URL consultato il 10 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Charles R. Craig e Robert E. Stitzel, Modern Pharmacology with Clinical Applications, Lippincott Williams & Wilkins, 2004, ISBN 9780781737623. URL consultato il 10 novembre 2017.
  5. ^ Hayes, E. B.; Gubler, D. J., 11, in Pediatr. Infect. Dis. J., 1992, pp. 311-317.
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina