Gerardo Meloni

filologo italiano

Gerardo Meloni (Urbino, 10 gennaio 1882Il Cairo, 28 febbraio 1912) è stato un filologo italiano.

Didascalia

Libero docente di Filologia semitica presso la Regia Università La Sapienza di Roma, professore di storia dell'Oriente antico presso l'Università Khediviale del Cairo, assiriologo e semitista, collaborò con Leone Caetani nella stesura degli Annali dell'Islam. Tra le sue opere si segnalano l'illustrazione e la pubblicazione di testi cuneiformi, studi religiosi e sulla psicologia del linguaggio, questi ultimi consacrati in un testo postumo Saggi di Filologia Semitica, edito un anno dopo la sua morte.

Nell'aprile del 1909 indirizzò una serie di scritti minori al linguista ebreo ungherese Ignaz Goldziher, al quale pochi mesi prima era stato presentato da Ignazio Guidi presso l'Accademia dei Lincei di Roma.[1]

NoteModifica

  1. ^ Meloni Gerardo e Ignác Goldziher, Gerardo Meloni's letter to Ignaz Goldziher., Roma, 1909, p. 10, OCLC 1014694061 (archiviato il 28 aprile 2020). Ospitato su archive.is.

BibliografiaModifica

  • Paola Ghione e Valentina Sagaria Rossi (a cura di). L'Archivio Leone Caetani all'Accademia Nazionale dei Lincei, L'Erma, Roma 2004.
Controllo di autoritàVIAF (EN25365106 · ISNI (EN0000 0000 6632 5554 · GND (DE116875577 · BAV (EN495/224450 · WorldCat Identities (ENviaf-25365106

Giorgio Levi della Vida, Saggi di filologia semitica (a cura degli amici), Roma, Casa Editrice Italiana, 1913. Giorgio Levi della Vida, Anaddoti e svaghi arabi e non arabi, Milano - Napoli, Ricciardi, 1959. Giorgio Levi della Vida, Fantasmi ritrovati, Venezia, Neri Pozza, 1966. Romolo Comandini, Echi della crisi del modernismo in un carteggio inedito di Gerardo Meloni con Antonio Fogazzaro, in “Studia Patavina”, XVI (1969), n,1. Lorenzo Bedeschi, I Cattolici democratici nelle Marche all’alba del ‘900, Urbino, Quattro Venti, 1995.