Gravissimum Educationis

dichiarazione emanata nel Concilio Vaticano II

Gravissimum Educationis è una dichiarazione del Concilio Vaticano II "sull'educazione cristiana". Venne approvato con 2290 voti favorevoli e 35 contrari[senza fonte] dai vescovi riuniti in Concilio e fu promulgato dal papa Paolo VI il 28 ottobre 1965[1].

Come spesso succede nei documenti della Chiesa cattolica, anche in questo caso il titolo del decreto deriva dalle prime parole del testo in latino (Gravissimum Educationis appunto, in italiano Fondamentale educazione).

Proemio modifica

  • Il diritto di ogni uomo all'educazione
  • L'educazione cristiana
  • I genitori, primi educatori
  • Vari mezzi al servizio dell'educazione cristiana
  • La scuola
  • Diritti e doveri dei genitori
  • La scuola non cattolica
  • La scuola cattolica
  • Differenti forme di scuola cattolica
  • Le scuole superiori
  • Le facoltà di teologia
  • La coordinazione delle scuole cattoliche
  • Conclusione

Fondazione Gravissimum Educationis modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Fondazione Gravissimum Educationis.

Con il chirografo[2] del 28 ottobre 2015, a 50 anni dalla promulgazione della dichiarazione Gravissimum Educationis, papa Francesco ha istituito la Fondazione Gravissimum Educationis[3] per perseguire finalità scientifiche e culturali volte a promuovere l’educazione cattolica nel mondo[4].

Note modifica

  1. ^ Gravissimum educationis, su vatican.va. URL consultato il 20 agosto 2021.
  2. ^ Chirografo del Santo Padre per l’erezione della Fondazione “Gravissimum educationis” (28 ottobre 2015) | Francesco, su w2.vatican.va. URL consultato il 1º agosto 2019.
  3. ^ Fondazione Gravissimum Educationis, su fondazionege.org.
  4. ^ Statuto - art. 3, su fondazionege.org. URL consultato il 1º agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2019).

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica