Apri il menu principale

Hans Jakob Polotsky

egittologo, linguista e orientalista israeliano

BiografiaModifica

Nacque a Zurigo, in una famiglia di ebrei russi. Crebbe a Berlino e studiò egittologia e lingue semitiche nelle università di Berlino e Gottinga. A Berlino ebbe come professore il celebre egittologo Kurt Sethe.

Dal 1926 al 1931 partecipa allo studio delle fonti greche, copte, siriache e arabe della Septuaginta. Questi testi lo mettono in contatto con le lingue turche e iraniane. Nel 1929 consegue il dottorato discutendo una tesi dal titolo Zu den Inschriften der 11. Dynastie ("Sulle iscrizioni dell'XI dinastia), prodotta sotto la guida di Hermann Kees. Dal 1933 al 1934 lavora a Berlino con lo storico della Chiesa Carl Schmidt all'edizione dei testi copti manichei ma, in quanto ebreo, non è menzionato sulla pubblicazione. Nel 1935 lascia la Germania e si stabilisce in Palestina, dove diventa insegnante e ricercatore all'Università Ebraica di Gerusalemme. Miriam Lichtheim, nota per le sue traduzioni dall'egizio, fu una dei suoi allievi. All'Università di Gerusalemme approfondisce il suo interesse per le lingue etiopi (ge'ez, amarico, guraghé, tigrino...). È nominato professore nel 1948.

La sua opera principale fu Études de syntaxe copte ("Studi di sintassi copta"), pubblicato nel 1944, che cambiò radicalmente la visione scientifica della sintassi copta e del sistema verbale egizio. La teoria di Polotsky sul verbo egizio (argomento particolarmente delicato, dal momento che gli Egizi distinguevano le diverse forme verbali per mezzo della vocalizzazione, ma le vocali non erano segnate nella scrittura) ebbe così successo che fu denominata teoria standard di Polotsky.

RiconoscimentiModifica

OpereModifica

  • (con Carl Schmidt) Ein Mani-Fund in Ägypten, Original-Schriften des Mani und seiner Schüler, Akademie der Wissenschaften, Berlin, 1933.
  • Manichäische Studien, in "Le Muséon" 46, 1933, pp. 247-271.
  • (a cura di) Manichäische Homilien, Kohlhammer, Stoccarda, 1934.
  • Manichäische Handschriften der Staatlichen Museen Berlin, Kohlhammer, Stoccarda, 1935
  • Études de grammaire gouragué, in "Bulletin de la Societé de Linguistique de Paris" 39, 1938, pp. 137-175
  • Études de syntaxe copte, Publications de la Société d'Archéologie Copte, Il Cairo, 1944
  • Notes on Gurage grammar, Israel Oriental Society, n° 2, 1951
  • Syntaxe amharique et syntaxe turque, in Atti del Convegno Internazionale di Studi Etiopici, Roma (Acc. Naz. dei Lincei), 1960, pp. 117-121
  • Studies in Modern Syriac, in Journal of Semitic Studies 6, 1961, pp. 1-32
  • Aramaic, Syriac, and Ge'ez, in Journal of Semitic Studies 9, 1964, pp. 1-10
  • Egyptian Tenses, "The Israel Academy of Sciences and Humanities", Vol. II, No. 5. 1965
  • E.Y. Kutscher (a cura di), Collected Papers by H.J. Polotsky, Magnes Press, Gerusalemme, 1971
  • Les transpositions du verbe en égyptien classique, in Israel Oriental Studies 6, 1976, pp. 1-50
  • A Point of Arabic Syntax: The Indirect Attribute, in "Israel Oriental Studies" 8, 1978, pp. 159-174.
  • Verbs with two Objects in Modern Syriac (Urmi), in "Israel Oriental Studies" 9, 1979, pp. 204-227.
  • Grundlagen des koptischen Satzbaus, Scholars Press, Decatur, Ga. , 1987, ISBN 1-55540-076-0
  • Incorporation in Modern Syriac, in G. Goldenberg & Sh. Raz (a cura di), Semitic and Cushitic studies, Harrassowitz, Wiesbaden, 1994, pp. 90-102.
  • Notes on Neo-Syriac Grammar, in "Israel Oriental Studies" 16, 1996, pp. 11-48.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Erdal, M., Hans Jakob Polotsky (1905-1991): an appreciation, in "Mediterranean language review", 8, pp. 1-9, 1994.
  • Hopkins, S., H.J. Polotsky 1905-1991, in "Rassegna di Studi Etiopici", 34, pp. 115-125, 1992/3
  • Osing, J.. Hans Jakob Polotsky: 13. September 1905 - 10. August 1991, in "Zeitschrift für ägyptische Sprache und Altertumskunde" 120/1, pp. iii-v, 1993.
  • Shisha-Halevy, Ariel, In memoriam Hans Jakob Polotsky (1905-1991), in "Orientalia" (nova series) 61, pp. 208-213, 1992
  • Shisha-Halevy, Ariel, H. J. Polotsky Structuralist, in "After Polotsky: Proceedings of the Colloquium, Bad Honnef, September 2005" (Lingua Aegyptia 14), pp. 1-8, 2006.
  • Shisha-Halevy, Ariel & Goldenberg, Gideon, H. J. Polotsky, nel Lexicon Grammaticorum, 2 ed., Stammerjohann, 2007
  • Shivtiel, A., Polotsky Hans (Hayyim) Jacob (1905-91)', in The encyclopedia of language and linguistics, Oxford, Pergamon, vol. 6, pp. 3226-3227, 1994
  • Ullendorff, Edward (a cura di). H.J. Polotsky (1905-1991): Ausgewählte Briefe (Äthiopistische Forschungen, Band 34), Stoccarda, Franz Steiner Verlag, 1992, ISBN 3-515-06066-9
  • Ullendorff, Edward, H.J. Polotsky (1905-1991): Linguistic Genius, in "Journal of the Royal Asiatic Society", Series 3, 4, 1, pp. 3-13, 1994 [=E. Ullendorff, From Emperor Haile Selassie to H.J. Polotsky. Harrassowitz: Wiesbaden 1995, pp. 165-175]

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57094 · ISNI (EN0000 0001 0861 1031 · LCCN (ENn81089291 · GND (DE11902781X · BNF (FRcb12195964d (data) · BAV ADV10199521 · WorldCat Identities (ENn81-089291
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie