Haramayn

pagina di disambiguazione di un progetto Wikimedia

Ḥaramayn (in arabo: الحرمين‎, al-Ḥaramayn, duale del sostantivo/aggettivo arabo Ḥaram, col significato di "I due santuari"), è l'espressione usata dai musulmani per indicare le due Città Sante islamiche di La Mecca e Medina.

Il termine venne anche usato per riferirsi, in epoca mamelucca, alle due città di Gerusalemme (Quds) e di Hebron, in considerazione della loro santità, nel sentire comune degli Arabi palestinesi

Fu altresì impiegato per indicare l'Imām al-Ḥaramayn ʿAbd al-Malik b. Yūsuf al-Juwaynī (1028–1085), un sunnita sciafeita, apprezzato studioso di ḥadīth e Kalām;

  • È impiegato per indicare la saudita Fondazione al-Ḥaramayn (in arabo: مؤسسة الحرمين الخيرية‎, Muʾassasa al-ḥaramayn al-khayriyya), ufficialmente dedita alla beneficenza ma bandita per le accuse rivoltele dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, per essere in "diretto contatto" con Osama bin Laden;
  • Il termine si può riferire pure alla cosiddetta "Provincia di al-Ḥaramayn", o "Provincia dei Due Luoghi Santi", costituita dal gruppo gihadista dell'ISIS[1]

NoteModifica

  1. ^ The Islamic State's Archipelago of Provinces - The Washington Institute for Near East Policy, su washingtoninstitute.org. URL consultato l'11 luglio 2015.

Voci correlateModifica