Apri il menu principale
Helmut Schlesinger
Bundesarchiv B 145 Bild-F088853-0014, Helmut Schlesinger.jpg
Helmut Schlesinger nel 1991

Presidente della Deutsche Bundesbank
Durata mandato 1991 –
1993
Predecessore Karl Otto Pöhl
Successore Hans Tietmeyer

Dati generali
Università Università Ludwig Maximilian di Monaco
Professione Economista

Helmut Schlesinger (Penzberg, 4 settembre 1924) è un economista tedesco, Presidente della Deutsche Bundesbank dal 1991 al 1993.

FormazioneModifica

Dopo il suo incarico militare, ha studiato economia all'Università Ludwig Maximilian di Monaco, dove si è laureato con un diploma nel 1948, e con un dottorato di ricerca in economia nel 1951.[1]

CarrieraModifica

Entrò nella Deutsche Bundesbank nel 1952 e ascese rapidamente alla posizione di capo dipartimento. Nel 1964, è stato nominato direttore di economia e statistica e nel 1972 è diventato membro del comitato esecutivo. Ha ricoperto la carica di vicepresidente dal 1980 al 1991 e in qualità di presidente della Deutsche Bundesbank dal 1991 al 1993. Schlesinger si è distinto come professore onorario presso l'Università tedesca di scienze amministrative di Spira. Attualmente è consulente di IDEAglobal Group, un'organizzazione di ricerca finanziaria globale.

AltroModifica

Nella crisi dell'euro, Schlesinger è stato uno dei primi a sottolineare il problema del cosiddetto Target 2: a proposito di questo sistema di compensazione precedentemente ignorato, la Bundesbank deve concedere altri prestiti alle banche centrali dell'euro, che ora stanno crescendo rapidamente. Hans-Werner Sinn ha anche indicato Target 2.

Nell'aprile 2012, Schlesinger ha parlato in un'intervista sulla crisi dell'euro e sulla crisi finanziaria greca. Tra le altre cose ha detto:

«Al momento, la BCE non gestisce la politica monetaria in senso stretto, ma solo la politica anti-crisi. Se assegna 1000 miliardi di euro per tre anni alla stessa velocità che richiede per otto giorni, lo fa perché uno, due o tre paesi ne hanno bisogno.»

PremiModifica

NoteModifica

  1. ^ (DE) Verzeichnis der Veröffentlichungen von Helmut Schlesinger
  2. ^ E. Y. Hennessy e Y. Messenger, Helmut Schlesinger, in Who’s Who in Central Banking, 2002, 3rd, London, Central Banking Publication, 2001, pp. 208–210, ISBN 1-902182-20-0.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN112234357 · ISNI (EN0000 0001 0936 3615 · LCCN (ENn84213602 · GND (DE118759345 · BNF (FRcb123520296 (data) · WorldCat Identities (ENn84-213602