Hollandsche Schouwburg

Hollandsche Schouwburg
Hollandsche Schouwburg.jpg
Ubicazione
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
LocalitàAmsterdam
IndirizzoPlantage Middenlaan 24
Coordinate52°21′59.96″N 4°54′40.25″E / 52.366655°N 4.911181°E52.366655; 4.911181
Caratteristiche
Intitolato aHoogduitse Schouwburg Amsterdam
Istituzione1962[1]
Apertura1958
GestioneJoods Historisch Museum
DirettoreEmile Schrijver[2]
Sito web

Lo Hollandsche Schouwburg è un museo situato ad Amsterdam nei Paesi Bassi.[3]

DescrizioneModifica

In origine, l'Hollandsche Schouwburg era un teatro olandese, ma nel 1941 fu considerato un teatro ebraico dagli occupanti nazisti ed in seguito fu utilizzato come centro di deportazione durante l'Olocausto nei Paesi Bassi.[1]

Il 4 maggio 1962, il teatro è stato riconosciuto come luogo commemorativo dal sindaco di Amsterdam. L'auditorium del teatro è stato intitolato in memoria delle vittime olandesi dell'Olocausto.[4][5]

L'illustre personale dell'asilo di fronte all'Hollandsche Schouwburg, situato nel Plantage Middenlaan di Amsterdam, ha salvato molti bambini ebrei. Questi fatti sono stati descritti nel libro di Betty Goudsmit-Oudkerk, una donna ebrea membro della resistenza olandese.

Il Joods Historisch Museum ha assunto l'amministrazione dell'edificio nel 1992. I lavori di ristrutturazione dell'anno successivo hanno aggiunto una sala commemorativa ed una mostra, oltre ad un muro inciso con circa 6 700 cognomi degli oltre 100 000 deportati ebrei dai Paesi Bassi.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b History, su hollandscheschouwburg.nl, Hollandsche Schouwberg. URL consultato il 1º ottobre 2015. Ospitato su Hollandsche Schouwberg.
  2. ^ (NL) Medewerkers, su hollandscheschouwburg.nl, Hollandsche Schouwburg. URL consultato il 1º ottobre 2015. Ospitato su Hollandsche Schouwburg.
  3. ^ Musea van Amsterdam, su amsterdammusea.org, OAM.
  4. ^ (NL) Amsterdam, De Hollandsche Schouwburg, su Nationaal Comité 4 en 5 mei, 1995. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  5. ^ a b Hollandsche Schouwburg: Remembrance, su Gedenkstättenportal zu Orten der Erinnerung in Europa. URL consultato l'8 febbraio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica