Huaxia

concetto storico di nazionalismo cinese

Huaxia è un concetto storico che rappresenta la nazione cinese e deriva dall'autocoscienza di una comune ascendenza culturale da parte delle varie confederazioni di antenati etnici pre-Qin del popolo Han.

Il fiume Giallo rompe il suo corso, dipinto di Ma Yuan

EtimologiaModifica

La prima attestazione autentica esistente del concetto Huáxià華夏 è nella narrativa storica e nel commento Zuo zhuan (terminato intorno al 300 a.C.).[1][2] Nel Zuo zhuan, Huaxia si riferisce agli stati centrali (中國Zhōngguó)[3][4][5][6][7][8] nella valle del fiume Giallo, abitata dal popolo Huaxia, etnicamente equivalente al cinese Han nei discorsi pre-imperiali.[9][10]

Secondo il "vero significato di Chunqiu Zuo zhuan " del confucianista Kong Yingda, xià (夏) "grande" significava la "grandezza" (大) nelle etichette cerimoniali degli stati centrali, mentre huá (華) "fiore" era usato in riferimento alla "bellezza" (美) negli abiti che indossavano gli abitanti di quegli stati.[11][12][13][14]

StoriaModifica

OrigineModifica

Lo storico Han Sima Qian afferma che Xia era il nome dello stato infeudato al leggendario re Yu il Grande, e Yu usò il suo nome come cognome.[15] Nella storiografia moderna, Huaxia si riferisce a una confederazione di tribù, che vivevano lungo il fiume Giallo, che erano gli antenati di quello che in seguito divenne il gruppo etnico Han in Cina.[16][17] Durante il periodo degli Stati Combattenti (475–221 a.C.), l'autocoscienza dell'identità Huaxia si sviluppò e prese piede nell'antica Cina.[17] Inizialmente, Huaxia definiva principalmente una società civile che era distinta e si opponeva a ciò che era percepito come i popoli barbari che li circondavano.[18] L'identità Huaxia nacque nel periodo Zhou orientale come reazione al crescente conflitto con i popoli Rong e Di che emigrarono nelle terre di Zhou e estinsero alcuni stati di Zhou.[19]

Uso modernoModifica

Sebbene siano ancora usati insieme, i caratteri cinesi per hua e xia sono usati anche separatamente come autonimi.

I nomi cinesi ufficiali sia della Repubblica popolare cinese (RPC) che della Repubblica cinese (ROC) usano il termine Huaxia in combinazione con il termine Zhongguo (中國, 中国, tradotto come "Regno di Mezzo"), cioè Zhonghua (中華, 中华).[20] Il nome ufficiale cinese della RPC è Zhonghua Renmin Gongheguo (中华人民共和国), mentre quello della Repubblica Cinese è Zhonghua Minguo (中華民國). Il termine Zhongguo è limitato dalla sua associazione a uno stato, mentre Zhonghua riguarda principalmente la cultura.[21] Quest'ultimo viene utilizzato come parte del termine nazionalista Zhōnghuá Mínzú, che è una nazionalità tutta cinese nel senso di identità nazionale multietnica.

Il termine Huaren (華人) per una persona cinese è un'abbreviazione di Huaxia con ren (, persona).[22] Huaren in generale è usato per le persone di etnia cinese, in contrasto con Zhongguoren (中國人) che di solito (ma non sempre) si riferisce a cittadini cinesi.[21] Sebbene alcuni possano usare Zhongguoren per riferirsi all'etnia cinese, tale uso non è comune a Taiwan.[21] Nelle comunità cinesi d'oltremare in paesi come Singapore e Malesia, viene utilizzato Huaren o Huaqiao (cinese d'oltremare) poiché anche loro non sono cittadini cinesi.[23][24]

NoteModifica

  1. ^ Zuo zhuan, "Duke Xiang, anno 26, zhuan". testo: "楚失華夏." traduzione: "Chu ha perso l'influenza politica sugli stati fiorenti e grandi."
  2. ^ Shi, Jie (2020). Modeling Peace: Royal Tombs and Political Ideology in Early China, capitolo 3 "Integration of Ethnic Han and non-Han". New York: Columbia University Press. nota 8 al capitolo 3. pagine 341 di 466
  3. ^ Ad esempio, Du Yu chiama zhuxia 諸夏 "i vari grandi stati" e zhuhua 諸華 "vari stati fiorenti" e zhongguo "gli stati centrali"
  4. ^ Du Yu, Chunqiu Zuozhuan - Collected Explanations, "Vol. 4" p. 136 of 186. quote: "諸夏中國也"
  5. ^ Zuozhuan "Duke Xiang - IV anno - zhuan" "諸華必叛" traduzione: "I vari stati fiorenti si ribellerebbero sicuramente"
  6. ^ Chunqiu Zuozhuan - Collected Explanations, "Vol. 15". p. 102 of 162 "諸華中國"
  7. ^ Il recipente rituale bronzeo He zun (何尊) è il più antico oggetto che si riferisce a zhōngguó, scritto 𠁩或; lì zhōngguóapparentemente si riferisce solo al dominio immediato della dinastia Shang conquistato dalla dinastia Zhou
  8. ^ Zhi (2004). p. 198
  9. ^ Esherick, Joseph (2006). "How the Qing Became China". Empire to Nation: Historical Perspectives on the Making of the Modern World. Rowman & Littlefield.
  10. ^ Shi (2020) p. 140, 142 di 466
  11. ^ Kong Yingda annota questo passaggio di Zuozhuan 裔不謀,夷不亂 "i confinanti non possono complottare contro i grandi; i barbari non possono seminare il caos tra i paesi fiorenti."
  12. ^ Zuozhuan, "Duke Ding - X anno - zhuan"
  13. ^ (ZH) Xuediao [劉學銚] Liu, zh:中國文化史講稿, Taipei, 知書房出版集團, 2005, p. 9, ISBN 978-986-7640-65-9.
  14. ^ (EN) Ruixi Zhu, Bangwei Zhang, Fusheng Liu, Chongbang Cai e Zengyu Wang, A Social History of Medieval China, Cambridge University Press, 2016, ISBN 9781107167865.
    «To quote an ancient text, "there is grand ceremonial etiquette so it is called xia (), and there is the beauty of apparel which is called hua ()." (And that's how China is also called huaxia [华夏].) [...] 'The Tenth Year of Duke Ding of Lu' (定公十年), Zuo Qiuming's Commentary on Spring and Autumn Annals (左傳), explained by Yan Shigu (顏師古, 581–645).»
  15. ^ Sima Qian's discussion on "Annals of Xia" in Records of the Grand Historian: "禹爲姒姓,其後分封,用國爲姓,……"
  16. ^ Claudio Cioffi-Revilla e David Lai, War and Politics in Ancient China, 2700 BC to 722 BC, in The Journal of Conflict Resolution, vol. 39, n. 3, 1995, pp. 471–72, DOI:10.1177/0022002795039003004.
  17. ^ a b Shirong Guo e Lisheng Feng, Chinese Minorities, in Helaine Selin (a cura di), Encyclopaedia of the history of science, technology and medicine in non-western cultures, Dordrecht, Kluwer, 1997, p. 197, ISBN 978-0-79234066-9.
    «During the Warring States (475 BC–221 BC), feudalism was developed and the Huaxia nationality grew out of the Xia, Shang, and Zhou nationalities in the middle and upper reaches of the Yellow River. The Han evolved from the Huaxia.»
  18. ^ Charles Holcombe, A history of East Asia: From the origins of civilization to the twenty-first century, Cambridge, England, Cambridge University Press, 2010, p. 7, ISBN 978-0-521-73164-5.
    «Initially, Huaxia seems to have been a somewhat elastic cultural marker, referring neither to race nor ethnicity nor any particular country but rather to "civilized," settled, literate, agricultural populations adhering to common ritual standards, in contrast to "barbarians."»
  19. ^ Xiaolong Wu, Material Culture, Power, and Identity in Ancient China, Cambridge University Press, 2017, pp. 13–14, ISBN 9781107134027.
  20. ^ Charles Holcombe, A history of East Asia: From the origins of civilization to the twenty-first century, Cambridge, Cambridge University Press, 2011, p. 7, ISBN 978-0-521-73164-5.
    «Zhongguo — [...] Today, Zhongguo is probably the closest Chinese-language equivalent to the English word China. Even so, both the modern People's Republic of China, on the mainland, and the Republic of China (confined to the island of Taiwan since 1949) are still officially known, instead, by a hybrid combination of the two ancient terms Zhongguo and Huaxia: Zhonghua 中華.»
  21. ^ a b c Hui-Ching Chang, Richard Holt, Language, Politics and Identity in Taiwan: Naming China, Routledge, 20 novembre 2014, pp. 162–164, ISBN 9781135046354.
  22. ^ Jesús Solé-Farràs, New Confucianism in twenty-first century China: The construction of a discourse, London, Routledge, 2013, ISBN 978-1-13473908-0.
    «Huaren 華人 equivalent to a 'Chinese person'—hua is the abbreviation of Huaxia, a synonym of Zhongguo 中國 (China), and ren is 'person'.»
  23. ^ Sheng Lijun, China and Taiwan: Cross-strait Relations Under Chen Shui-bian, Institute of Southeast Asian Studies, 30 giugno 2002, p. 53, ISBN 978-9812301109.
  24. ^ Karl Hack, Kevin Blackburn, War Memory and the Making of Modern Malaysia and Singapore, NUS Press, 30 maggio 2012, p. 96, ISBN 978-9971695996.
  Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Cina