Apri il menu principale
IAC Building
NYC - IAC Building - panoramio.jpg
Lo IAC Building, con sulla sinistra il 100 Eleventh Avenue
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoNew York New York
LocalitàNew York
Indirizzo555 West 18th Street Manhattan
Coordinate40°44′44″N 74°00′28″W / 40.745556°N 74.007778°W40.745556; -74.007778Coordinate: 40°44′44″N 74°00′28″W / 40.745556°N 74.007778°W40.745556; -74.007778
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2005-2007
Inaugurazione2007
Altezza44,2 m
Piani10
Ascensori4
Realizzazione
ArchitettoFrank Gehry
ProprietarioIAC/InterActiveCorp

Il IAC Building è un edificio che ospita la sede centrale della InterActiveCorp, situata al 555 West 18th Street all'angolo nord-est di Eleventh Avenue nel quartiere Chelsea a New York.

Indice

DescrizioneModifica

 
Dettaglio della facciata dell'edificio

Alto 44,2 metri e progettato da Frank Gehry e con 11 piani di cui uno interrato, è stato completato nel 2007.[1] L'edificio è stato il primo di Gehry a New York ed è caratterizzato dall'avere il più grande schermo ad alta definizione del mondo al momento della sua costruzione nella sua hall.[2]

L'edificio, che riprende altri elementi dello stile architettonico di Gehry, consiste in due livelli principali: il primo che fa da base è costituito da una sezione squadrata, con il secondo livello dal diametro inferiore posizionato sopra il primo. La facciata dell'edificio ha l'aspetto simile a delle vele che compiono una torsione ed è rivestita in vetro e materiale ceramico. I bordi delle finestre sfumato sul bianco dei pannelli ceramici che rivestono l'edificio. Barry Diller, capo della IAC che era coinvolto nel progetto, ha imposto che la facciata fosse ricoperta di vetro liscio anziché di titanio, come Gehry aveva inizialmente progettato.[2]

NoteModifica

  1. ^ IAC Building, New York City | 218763 | EMPORIS, su www.emporis.com. URL consultato il 21 giugno 2019.
  2. ^ a b (EN) Joe Nocera, A Building for Diller by Gehry, in The New York Times, 14 aprile 2007. URL consultato il 21 giugno 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica