Apri il menu principale

Abū ʿAbd Allāh Muḥammad ibn Sallām al-Jumaḥī (in arabo: ﺍﺑﻮ ﻋﺒﺪالله ﻣﺤﻤﺪ بن سلام الجمحي‎; Bassora, 756Baghdad, 846 o 847) è stato un letterato e filologo arabo.

Tra i primi appartenenti della Scuola di Baṣra, studiò sotto la guida paterna e poi sotto quella di altri Maestri.

Trasferitosi nella Baghdad abbaside, di lui ci è giunto un solo lavoro: le Ṭabaqāt fuḥūl al-shuʿarāʾ lett. "Classi degli stalloni[1] dei poeti", che ordinava antologicamente i poeti di età preislamica e islamica,[2] con sguardo critico che mirava anche ad appurarne l'autenticità.

Le "classi" dei poeti erano quattro, e tenevano conto del tempo in cui i poeti avevano operato, il loro luogo di attività, la loro appartenenza tribale, il loro merito poetico, la quantità dei loro versi e il genere prevalente (se poesie encomiastiche, di dileggio, di carattere naturalistico, amoroso e altro ancora).
Fu ampiamente usato dagli autori successivi di opere consimili che tuttavia si limitarono a epitomizzarlo senza citarlo, secondo un radicato costume della cultura letteraria arabo-islamica.

NoteModifica

  1. ^ Col termine "stallone" (in arabo faḥl, pl. fuḥūl) si chiamavano i migliori rappresentanti della poesia araba.
  2. ^ Ibn al-Nadīm affermava nel suo Fihrist che egli avesse scritto due distinte opere (poi forse confluite in un unico libro): le Ṭabaqāt al-shuʿarāʾ al-jāhilliyyīn (sui poeti della Jāhiliyya) e le Ṭabaqāt al-shuʿarāʾ al-islāmiyyīn (sui poeti d'età islamica).

BibliografiaModifica

  • (AR) Ṭabaqāt fuḥūl al-shuʿarāʾ/Die Klassen der Dichter, Joseph Hell (ed.), Leida, E.J. Brill, 1916, più tardi ampliato nell'edizione di Maḥmūd Muḥammad Shākir (Il Cairo, 1974).
  • (IT) Giorgio Levi Della Vida, "Sulle Ṭabaqāt aš-Šuʿarāʾ di Muḥammad b. Sallām", in: Rivista degli Studi Orientali, VIII (1919), pp. 611-636.
  • (EN) Lemma «Ibn Sallām al-Jumaḥī» (G. J. H. van Gelder), su: Encyclopedia of Arabic Literature, Julie Scott Meisami and Paul Starkey (eds.), Londra e New York, Routledge, 1998, Vol. 1, p. 369.
  • (EN) Lemma «Ibn Sallām al-Djumaḥī» (Ch. Pellat), su: The Encyclopaedia of Islam, 2nd edition.
  • (EN) Hilary Kilpatrick, "Criteria of classification in the Ṭabaqāt fuḥūl al-shuʿarāʾ of Muḥammad b. Sallām al-Jumaḥī (d. 232/846), in UEAI Proceedings, Ninth, Amsterdam 1978, Leida (1981), pp. 141-52.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica