Ibn Zamrak

Ibn Zamrak, pseudonimo di Abū ʿAbd Allāh Muḥammad ibn Yūsuf ibn Muḥammad ibn Aḥmad ibn Muḥammad ibn Yūsuf ibn Zamrak al-Surayhi (in arabo: أبو عبد الله محمد بن يوسف بن محمد بن أحمد الصريحي‎; Granada, 13331393), è stato un poeta arabo-andaluso.

Ibn Zamrak (in arabo: ابن زمرك‎) era di umili origini, ma grazie al suo maestro Ibn al-Khaṭīb divenne un poeta alla corte dei Nasridi, dinastia regnante nel Sultanato di Granada. Accompagnò il sultano Muḥammad V durante il suo esilio nel Marocco merinide e quando Muḥammad riconquistò il trono a Granada nel 1361 venne nominato segretario privato e poeta di corte.

Quando Ibn al-Khaṭīb fu destituito dalla sua carica di visir nel 1371, Ibn Zamrak gli succedette. Più tardi, lo stesso Ibn Zamrak fu imprigionato quasi due anni a Fez per ordine di Yūsuf II e fu assassinato per volere di Muḥammad VII.[1]

Alcune delle sue poesie decorano le fontane e i palazzi dell'Alhambra, in particolare il Patio de los Leones, il Patio de la Alberca o de los Arrayanes e la Sala de las Dos Hermanas. Nelle sue poesie lodava l'eccellenza della dinastia nasride e amava descrivere la bellezza delle donne e della natura, in particolare di Granada.

NoteModifica

  1. ^ Description in Classical Arabic Poetry:Was.f, Ekphrasis, and interarts, Akiko Motoyoshi Sumi, Brill, 2003, p. 158

BibliografiaModifica

  • García Gómez, Emilio. Ibn Zamrak el poeta de la Alhambra, Granada, Patronato de la Alhambra, 1975.
Controllo di autoritàVIAF (EN90060173 · CERL cnp00406157 · LCCN (ENn88287864 · GND (DE11946134X · WorldCat Identities (ENlccn-n88287864
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie