Il Regno de gli Slavi

Il Regno de gli Slavi (titolo completo: Il Regno degli Slavi hoggi corrottamente detti Schiavoni) è un trattato, pubblicato in italiano a Pesaro nel 1601, relativo alla storia dei popoli slavi. L'importanza dell'opera è associata al suo ruolo nella definizione del concetto di panslavismo. L'autore del libro è Mavro Orbini, un monaco benedettino di origine serba.

Il Regno de gli Slavi; Pesaro; 1601.

Il libro fu scritto nel contesto storico Lunga Guerra, che vide un significativo peggioramento delle condizioni degli Slavi nell'Impero ottomano in seguito all'impiccagione di Michele Cantacuzino (il 3 marzo del 1578) e l'assassinio del Gran Visir Sokollu Mehmed Pascià (l'11 ottobre del 1579).

L'opera è scritta nello spirito umanista del tardo rinascimento. Esso fornisce un resoconto della storia degli Slavi, rappresentati idealmente come un'unica nazione. Nonostante le imprecisioni in essa contenute l'opera ha comunque un notevole valore dal punto di vista storico.

È stata oggetto di diversi studi: significative sono l'edizione del 1968 con traduzione di Zdravko Sundrich e commentari di Sima Ćirković (pubblicata a Belgrado) e quella del 1999, tradotta da Snezhana Hujic e commentato da Franjo Šanjek.

Il libro venne tradotto e pubblicato in Russia per ordine di Pietro il Grande immediatamente dopo la sua ascesa al trono nel 1721.[1]

NoteModifica

Voci correlateModifica