Apri il menu principale

Immunofenotipizzazione

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L''immunofenotipizzazione è il processo di classificazione di cellule o linee cellulari basata su differenze strutturali e funzionali, attraverso un insieme di metodi di riconoscimento, quantificazione e localizzazione per mezzo di reagenti immunologici.[1][2]

Può essere effettuata su campioni cellulari provenienti da tessuti biologici diversi: sangue periferico, midollo osseo, linfonodi, milza, liquor, versamenti cavitari, peritoneali, pleurici etc. L'immunofenotipizzazione può essere utilizzata nella diagnostica immunologica o oncologica o nelle ricerche sui processi di differenziazione e proliferazione cellulare. Le principali tecniche analitiche sono: l’immunoistochimica, l’immunocitochimica e la citofluorimetria. Quest'ultima, in particolare, permette di identificare gli antigeni di superficie, citoplasmatici o nucleari, per mezzo di anticorpi monoclonali coniugati con fluorocromi.[3]

Di ampio utilizzo la identificazione e conta di alcuni marcatori tumorali, proteine e glicoproteine espressione di stadi differenziativi o funzionali che possono indicare l'origine della neoplasia. [4]

NoteModifica

Altri progettiModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina