Apri il menu principale

Un impianto frenante si dice di tipo Misto, quando, su un'autoveicolo (o motoveicolo) sono presenti, su due assi diversi, freni con principi di funzionamento differenti.

La totalità degli impianti frenanti di tipo misto prevedono la presenza di freni a disco sull'asse anteriore e di freni a tamburo sull'asse posteriore.

StoriaModifica

La diffusione di questo tipo schema s'è ampliata molto a partire dagli anni sessanta, quando iniziarono a essere impiegati massicciamente, dapprima sulle autovetture ad alte prestazioni, poi anche su quelle di categoria inferiore, freni a disco all'avantreno. Nei decenni precedenti, invece, c'era un uso generalizzato dei freni a tamburo su tutte le ruote.

Ancora oggi l'impianto frenante misto è presente sulla maggior parte delle citycar e delle vetture del segmento B (sia pure associato al sistema frenante antibloccaggio ABS), mentre nelle fasce superiori è più diffusa la più raffinata soluzione dei freni a disco su tutte le ruote (che permette, tra l'altro, l'utilizzo di ABS più sofisticati).

Motivo del loro utilizzoModifica

Dato il maggior costo produttivo dei freni a disco rispetto a quelli a tamburo e la generale ripartizione della frenata in misura preponderante sulle ruote anteriori, l'adozione di dischi sull'asse anteriore consentiva un sensibile miglioramento della frenata senza aggravare troppo i costi produttivi. I dischi, inoltre, si raffreddano meglio dei tamburi, garantendo una miglior efficienza sotto sforzo.

MezziModifica