Interdizione (diritto)

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'interdizione dai pubblici uffici, vedi Interdizione dai pubblici uffici.

Nel diritto romano l'interdizione era un istituto che escludeva dalla capacità di amministrare i beni, previsto esclusivamente nei confronti di chi avesse dissipato i beni "paterni e aviti" sulla base della formula Quando tu bona paterna avitaque perdidisti, te interdico. Non va confuso con l'interdetto del diritto canonico.

Diritto italianoModifica

Nel diritto italiano, per interdizione si intendono due distinti istituti:

Nel diritto del lavoro sussiste anche il periodo di interdizione. Nel 2003 è stato introdotto nell'ordinamento italiano l'istituto dell'amministratore giudiziale di sostegno, alternativo agli istituti dell'interdizione e dell'inabilitazione.[1]

NoteModifica

  1. ^ L'amministratore di sostegno in Lombardia, su angsalombardia.it. URL consultato il 19 ottobre 2019 (archiviato il 19 ottobre 2019).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Testi normativi di riferimentoModifica

  • leggeonline, su leggeonline.info. URL consultato il 6 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2007).
  • tutori.it.
Controllo di autoritàGND (DE4152375-1
  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto