Io so che un giorno

album di Ivan Della Mea del 1966
Io so che un giorno
ArtistaIvan Della Mea
Tipo albumStudio
Pubblicazione1966
Durata35:00
Dischi1
Tracce9
GenerePop
Folk
EtichettaI dischi del sole DS 122/24
Ivan Della Mea - cronologia
Album precedente
(1965)

Io so che un giorno (1966) è il primo LP di Ivan Della Mea, pubblicato dall'etichetta discografica I dischi del sole.

Il discoModifica

Secondo Anzelmo, Bellavita, Facchinotti, l'album è stato un precursore, insieme a Tutti morimmo a stento di Fabrizio De André, della tendenza importata da oltralpe di trasformare il 33 giri da mero contenitore di brani a luogo di narrazione e di contenuto, raccogliendo canzoni legate da un filo conduttore. [1]

Io so che un giornoModifica

Il brano è stato scritto quando Della Mea aveva 23 anni, e venne utilizzato ancor prima della pubblicazione in alcuni spettacoli teatrali-musicali.[2] Ricordano Luciana Castellina e Massimo Serafini che il brano, in particolar modo, la strofa finale, veniva spesso cantato negli anni '60 durante i cortei per il Vietnam.[3]

Secondo Alessandro Portelli, il brano è la più acuta e poetica denuncia... del nuovo mondo che avanzava, che ti comprava il cervello in cambio di una lavatrice, che trattava per matto chi cercava altre libertà... e che mascherava tutto sotto una coltre di bianco elettrodomestico e manicomiale.[4]

Il brano venne anche proposto a Gianni Morandi da Nanni Ricordi[5]. È stato interpretato dal vivo da Paolo Ciarchi[6] ed è stato inciso, con testo leggermente modificato, da Giovanna Marini nell'album Controcanale 70[7].

TracceModifica

  1. Io so che un giorno – 6:32
  2. Mi so no el perché – 3:31
  3. Quand 'riva 'l cald – 3:35
  4. A quel omm – 2:36
  5. Sent un po', Gioan te se ricordet – 2:59
  6. Te se ricordet, Gioan, de me fradel – 3:07
  7. El diluvi – 3:23
  8. Che cosa voglion dire gli occhi tristi – 3:06
  9. Mangia el carbon e tira l'ultim fiaa – 6:22

NoteModifica

  1. ^ Francesco Anzelmo, Andrea Bellavita, Lorenzo Facchinotti, Gli Anni delle Cose: Media e società italiana negli anni settanta, EDUCatt - Ente per il diritto allo studio universitario dell'Università Cattolica, 2007, p. 97
  2. ^ https://www.musicaememoria.com/della_mea_io_so_cheungiorno.htm
  3. ^ Luciana Castellina, Massimo Serafini, La fabbrica del Manifesto, Manifestolibri
  4. ^ https://www.iedm.it/istituto/ivan-della-mea/
  5. ^ Claudio Bernieri, L'albero in piazza: storia, cronaca e leggenda delle feste dell'Unità, Mazzotta, 1977
  6. ^ https://ilmanifesto.it/paolo-ciarchi-e-quella-milano-sorprendente-degli-anni-60/
  7. ^ https://www.discogs.com/it/Giovanna-Marini-Controcanale-70/master/1024157

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica