Apri il menu principale
Jenő Landler nel 1923

Jenő Landler (Gelse, 22 novembre 1875Cannes, 24 febbraio 1928) è stato un rivoluzionario, politico e avvocato ungherese.

Fu uno dei fondatori del Partito Comunista Ungherese e con Béla Kun e Tibor Szamuely fu uno dei leader della rivoluzione del 1919, durante la quale fu il comandante in capo dell'Armata Rossa ungherese. È sepolto a Mosca presso la necropoli delle mura del Cremlino.[1]

NoteModifica

  1. ^ Abramov, pp. 178-180.

BibliografiaModifica

  • (RU) Aleksej Abramov, U Kremlëvskoj steny [Presso le mura del Cremlino], 2ª ed., Mosca, Izdatel'stvo političeskoj literatury, 1978.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85170980 · ISNI (EN0000 0001 1074 6656 · GND (DE127956468 · WorldCat Identities (EN85170980