Apri il menu principale

Biografia e operaModifica

Fra il 1952 ed il 1956 studiò clarinetto a Neuchâtel e composizione a Ginevra, lavorando nel 1958 come orchestratore per Radio Basel. Entrato l'anno successivo nello Studio de Musique Contemporaine di Ginevra che era diretto da Jacques Guyonnet, vi compose alcuni pezzi per ensemble, quali Formules rythmique et sonores (1958), diretto dallo stesso Guyonnet.

Nel 1960 frequentò i Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt e vari suoi pezzi verranno eseguiti in prima assoluta negli anni seguenti: Analogies et Contrastes per pianoforte ed orchestra da camera (1964), il ciclo Zeichen I-II-III per orchestra (1967)[2]. Nel 1969 seguì un corso di direzione d'orchestra con Pierre Boulez a Basilea e pubblicò un romanzo fantascientifico d'argomento parzialmente autobiografico dal titolo Der Mensch, der aus dem Kosmos kam (L'uomo venuto dal cosmo)[3], lavorando in seguito come critico e giornalista musicale: nel 1972 vedrà la luce una delle prime approfondite analisi inerenti all'aspetto formale della Seconda Sonata per pianoforte di Boulez[4].

È tuttavia a partire dagli anni Settanta che le iniziali posizioni post-weberniane di Grimm, prese le distanze dalla poetica bouleziana, si arricchiscono di elementi già presenti in nuce nelle strutture calligrafiche delle sue partiture: nel 1973 comporrà infatti Nedea/tà, una gigantesca partitura grafica senza destinazione d'organico - di 3 m di lunghezza per 70 cm di altezza - che fa luce sugli interessi semiologici del musicista[5]. A ciò s'aggiunge uno spiccato interesse per il teatro musicale sperimentale[6], che lo condurrà alla composizione di Eva/Aktion 1+0 (Eva Lola Frigida Narva) per trio d'archi, organo elettrico, nastro magnetico, speaker e danzatrici (1973)[7].

Compositore isolato[8], fra il 1979 ed il 1983 portò a termine il ciclo compositivo Die Bewegungen der Zeit I-IV per varie combinazioni d'organico, mentre del 1984 è la partitura Musik fuer eine utopische Szene per orchestra, eseguita a Losanna - solo cinque anni più tardi, nel 1989 - in prima assoluta sotto la direzione di Heinz Holliger. Dal 1998 al 2006 (anno della sua scomparsa[9]), lavorerà ai sei Kammerkonzerte. Oltre ad un considerevole corpus di partiture, tutte inedite, per strumento solo, ensemble, orchestra ed elettronica (la maggior parte delle quali è custodita presso la Paul Sacher Stiftung[10] di Basilea), Jim Grimm lascia anche un importante contributo critico e musicologico, rimasto parzialmente inedito, contenuto nel volume Texte, Artikel, Analysen, Diagramme (1973). Nel 1978 il suo pezzo ...opinion of! per soprano, flauto e pianoforte su testo di Virginia Woolf è stato pubblicato nell'antologia di musica contemporanea, composta da due LP, Intime Musik, a cura dell'Ensemble Neue Horizonte di Berna. Nel 2008, l'Ensemble Phoenix Basel ha inciso su CD il suo Kammerkonzert per 7 strumenti del 2003[11].

NoteModifica

  1. ^ Jim Grimm, compositeur sul sito MUSINFO - La base de Données de la Musique Suisse, www.musinfo.ch
  2. ^ Cfr. Grimm, Jim: Texte, Artikel, Analysen und Diagramme, Band I, 1961-73, 1973, Paul Sacher Stiftung, Basilea
  3. ^ Grimm, Jim: Der Mensch, der auf dem Kosmos kam, Helmut Kossodo, Hamburg, 1969
  4. ^ Cfr. Kobliakow, Lew: Pierre Boulez, A World of Harmony, Contemporary Music Studies, Volume 2, Routledge, New York 1990-2009
  5. ^ Cfr. Agazzi, Dario: Compendio Jim Grimm - Protocollo Walter Faith, Oèdipus Edizioni, Salerno 2017, ISBN 9788873412700
  6. ^ Cfr. Schibli, Sigfried: Dall´eccezione alla regola. Il teatro musicale in Svizzera dopo il 1950, in:"Entre Denges et Denezy..." - Documenti sulla storia della musica in Svizzera 1900-2000, Lucca 2001, pag. 325
  7. ^ Grimm, Jim: Op. cit. Cfr. anche, sulla genesi di questa partitura, Agazzi, Dario: Dimension I di Jim Grimm, un frammento Quaderno del Collage de 'Pataphysique n°5, pagg. 44-46, Italia 2014
  8. ^ Cfr. Piencikowski, Robert: Jim Grimm und die elektronische Musik, in: Musik aus dem Nichts: die Geschichte der elektroakustischen Musik in der Schweiz, Chronos, Zürich 2010, pagg. 103-05
  9. ^ Nekrolog Jim Grimm (Mitteilungen der Paul Sacher Stiftung (20.3.2007), Basilea 2007
  10. ^ Presso la fondazione è conservato anche il lascito fotografico riguardante il compositore realizzato e curato dal fotografo svizzero Christian Baur, amico del musicista
  11. ^ Cfr. Agazzi, Dario: op. cit., pag. 39.
Controllo di autoritàVIAF (EN18930820 · ISNI (EN0000 0000 4299 9474 · LCCN (ENn95069205 · GND (DE1019445610