Jimpul

arma tradizionale delle popolazioni Dayak e Kenyah originarie del Borneo
Jimpul
COLLECTIE TROPENMUSEUM Krom zwaard met gevest van hertshoorn en schede TMnr 643-5.jpg
Un jimpul con fodero
Tipomachete
OrigineBorneo, Indonesia Indonesia
Impiego
UtilizzatoriDayak, Kenyah
Descrizione
Tipo di lamaad un solo filo
Tipo di impugnaturaad una mano
voci di armi bianche presenti su Wikipedia

Il jimpul (chiamato anche jumbul, mandau pasir, parang djimpul, parang jimpul)è un'arma tradizionale delle popolazioni Dayak e Kenyah originarie del Borneo. È un'arma ibrida tra il mandau e il langgai tinggang[1] originatasi all'incirca tra il 1870 e il 1885.[2]

DescrizioneModifica

La lama del jimpul ha i lati piatti ed è ricurva; si allarga verso la punta e termina con un angolo obliquo o una punta di tipo "drop point". La parte tagliente è più lunga del dorso della lama. La lama può avere due o tre scanalature vicine al dorso, così come uncini e sporgenze (dette krowit) vicine all'elsa o al filo. Su entrambi i lati dell'elsa possono essere presenti scene di caccia. L'impugnatura e il fodero sono fatti nello stesso modo che nel mandau, con la differenza che il fodero è ricurvo e ricalca la forma della lama.[3]

NoteModifica

  1. ^ Museum für Völkerkunde zu Leipzig, Jahrbuch, Band 26, Akademie Verlag, 1969.
  2. ^ Sarawak Museum, Sarawak Museum Journal, Volume 4, Issues 12-15, Cornell University, 1937.
  3. ^ Albert G Van Zonneveld, Traditional Weapons of the Indonesian Archipelago, Koninklyk Instituut Voor Taal Land, 2002, ISBN 90-5450-004-2.

Altri progettiModifica

  Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi