Apri il menu principale

John Senex

cartografo, incisore e esploratore inglese

BiografiaModifica

 
Una mappa di Roma di John Senex (1721)
 
Una mappa di Louisiana francese di Senex (1721)

Fu inoltre un astronomo, geografo per la regina Anna di Gran Bretagna, editore, venditore di mappe antiche e specialmente creatore di mappamondi tascabili. Fu in particolare uno dei principali cartografi del XVIII secolo. Iniziò il suo apprendistato presso Robert Clavell della Stationer's Company nel 1692. Senex è famoso per i suoi mappamondi, alcuni dei quali hanno raggiunto quotazioni elevate, anche grazie alle minuscole incisioni raffigurate su di essi, tanto che principalmente si trovano in collezioni di musei e raramente si riescono a reperire esemplari in vendita. Alcuni esemplari si possono trovare presso il National Maritime Museum.[1] Avendo lavorato e collaborato con Charles Price, Senex creo' una serie di incisioni per almanacchi di Londra, e nel 1714, pubblicò assieme a Maxwell un Atlante inglese. Nel 1719 pubblicò un'edizione in miniatura di "Brittania" di Ogilby, divenuta particolarmente interessante in quanto raffigurante la California come un'isola, invece che facente parte del territorio degli Stati Uniti d'America, il che rese le sue mappe molto appetibili dai collezionisti.[2] Nel 1721, pubblicò un nuovo atlante generale[3]. Molte delle sue mappe sono ora in possesso del Trinity College (Dublino) di Dublino. Nel 1728 Senex venne inoltre eletto "Fellow the Royal Society of London".[4]

Opere principaliModifica

  • A New Map of Great Britain', c.1710.
  • 'Atlas' (20 mappe pubblicate senza titolo), 1711.
  • 'Map of Ireland', 1712.
  • 'The English Atlas', 1714.
  • 'An Actual Survey of all the Principal Roads of England and Wales', 1719 (ristampe frequenti fino al 1775, inclusa un'edizione francese del 1766)
  • 'A New General Atlas of the World' (small folio), 1721.
  • 'Hertfordshire' (ristampa della mappa di Norden, il cui originale fu edito nel 1593-98), 1723.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13471693 · ISNI (EN0000 0001 1488 049X · LCCN (ENn50009787 · GND (DE132477394 · BNF (FRcb153359925 (data) · CERL cnp01391965 · WorldCat Identities (ENn50-009787
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie