Judith Collins

Judith Anne Collins (Hamilton, 24 febbraio 1959) è una politica neozelandese, leader dell'opposizione e del partito nazionale neozelandese dal 14 luglio 2020. Seconda donna leader del partito nazionale dopo Jenny Shipley,[1] è anche membro del parlamento dal 2002.

Judith Collins
The Honourable Judith Collins MP.jpg

Leader del Partito Nazionale della Nuova Zelanda
Durata mandato14 luglio 2020 –
25 novembre 2021
MonarcaElisabetta II del Regno Unito
PredecessoreTodd Muller
SuccessoreChristopher Luxon

Dati generali
Partito politicoPartito Nazionale della Nuova Zelanda
UniversitàUniversità di Auckland e Matamata College

BiografiaModifica

Nata a Hamilton da una famiglia di produttori di latte, la minore di sei figli,[2] la Collins ha studiato al Matamata College, all'Università di Canterbury e all'Università di Auckland. Prima di entrare in politica, la Collins ha lavorato come avvocato commerciale ed è stata presidente dell'Auckland District Law Society e vicepresidente della New Zealand Law Society. È stata avvocata per quattro diverse società dal 1981 al 1990, prima di gestire il proprio studio per un decennio. È stata direttrice di Housing New Zealand dal 1999 al 2001 e ha lavorato come consulente speciale per Minter Ellison Rudd Watts dal 2000 al 2002, prima di entrare nel parlamento neozelandese alle elezioni del 2002.

Vita privataModifica

È sposata con David Wonh-Tung, un sino-samoano[3] conosciuto all'università. Allora era un agente di polizia ed era emigrato dalle Samoa da bambino. Hanno un figlio.[2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Copia archiviata, su nzherald.co.nz. URL consultato il 22 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2020).
  2. ^ a b (EN) Judith Collins, Maiden speech, in Scoop, 30 agosto 2002. URL consultato il 26 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2012).
  3. ^ (EN) Jane Clifton, Leader of the pack, in Listener, 18 marzo 2006. URL consultato il 25 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN169589371 · LCCN (ENno2011034488 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011034488