Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Knockout (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "K.O." rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi KO.

Il knock-out, anche univerbato in knockout e abbreviato in KO o k.o.[1], è una causa di interruzione anticipata dell'incontro negli sport di lotta, in particolar modo nel pugilato.[2][3]

EtimologiaModifica

L'espressione è contratta dall'originario «knock out of time», ovvero «abbattere oltre il tempo» in inglese.[2]

Definizione e regolamentoModifica

 
Un pugile finito al tappeto.

Si definisce con knock-out la situazione in cui il pugile, atterrato dal proprio avversario sul tappeto del ring, non riesca a rimettersi in piedi entro il tempo massimo stabilito (10") per continuare la lotta.[2] Conseguentemente, l'altro pugile viene dichiarato vincitore dell'arbitro.[2]

Knock-out tecnicoModifica

Il knock-out tecnico (KOT o TKO, «technical knockout» in inglese) è l'interruzione del match decretata dall'arbitro per i seguenti motivi[2]:

  • manifesta inferiorità di un contendente rispetto al suo avversario
  • ferita occorsa a seguito di colpi regolari
  • più atterramenti nel corso di una stessa ripresa.

Knock-downModifica

È definito knock-down l'atterramento del pugile che riesca a rialzarsi entro il tempo fissato, acquistando così il diritto a proseguire l'incontro.[2] Nell'assegnazione dei punti, i giudici di gara tengono conto dei knock-down inferti o subìti da ciascun pugile.[2]

In altri sportModifica

Un criterio analogo al knock-out pugilistico è rintracciabile nel wrestling, dove l'incontro può essere vinto "schienando" l'avversario, ossia mettendolo al tappeto per 3".[4]

NoteModifica

  1. ^ k.o in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  2. ^ a b c d e f g Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport, Garzanti Libri, 2008, p. 773, ISBN 978-88-11-50522-8.
  3. ^ Il numero di incontri vinti o persi per KO è indicato nello statino dell'atleta, solitamente tra parentesi rispetto al numero totale.
  4. ^ (EN) If a championship can only change hands via pinfall or submission, how did Kevin Owens win the NXT Championship?, su reddit.com, 2015.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato