Kethüda

voce enciclopedica

Il kethüda (in turco ottomano كدخدا), spesso corrotto in k[y]ahya o kehya nel linguaggio quotidiano, era un titolo turco ottomano che significa "assistente, vice, luogotenente, sovrintendente".[1][2][3][4] Deriva dalla parola persiana katak-khvatai ("padrone di casa", in seguito "capo").[5]

Il termine ha origine nella Persia medievale. Sotto gli Ilkhanidi, il termine kadkhuda (in persiano کدخدا‎) si riferiva a un anziano del villaggio che fungeva da rappresentante nei confronti del governo, e in seguito, sotto i Safavidi, il suo compito includeva la riscossione delle tasse e l'amministrazione del proprio villaggio o paese.[5] Dalla pratica persiana si è diffuso ai turchi selgiuchidi del Sultanato di Rum, ed è attestato per la prima volta nell'uso ottomano nel XV secolo nel senso di "vice funzionario autorizzato".[5] Di conseguenza, il termine si trova in un'ampia varietà di uffici e istituzioni ufficiali, sia nell'amministrazione centrale che in quella provinciale, dove il kethüda fungeva da vice dell'agha o del raʾīs responsabile di un dipartimento o di un'unità o di un governatore provinciale (beylerbey o sanjakbey).[5] Di gran lunga il più importante tra loro era il vice del Gran visir, il sadaret kethüdası; il kethüda yeri sovrintendeva ai timariot nelle province, ed era anche il titolo nel corpo dei giannizzeri. Il kapı kethüdası era il rappresentante permanente sostenuto nella capitale ottomana, Costantinopoli, da governatori provinciali, anziani visir o governanti tributari e vassalli come gli ospodari dei principati danubiani.

Allo stesso tempo, l'istituzione persiana dei kethüda come capi di villaggio o paese, continuò anche sotto l'Impero ottomano, fino alla sua abolizione nel 1790.[5] Il sistema era esteso anche alle tribù nomadi: in origine, mentre il capotribù era ereditario, il capo nominava i kethüda sui clan subordinati, e in seguito i clan sceglievano uno di loro per agire in questa veste.[5]

NoteModifica

  1. ^ Archivio di Stato di Venezia, I "documenti turchi" dell'Archivio di Stato di Venezia: inventario della miscellanea a cura di Maria Pia Pedani Fabris, Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1994, p. LXVI, ISBN 978-88-7125-090-8. URL consultato il 9 agosto 2021.
    «maggiordomo , intendente , amministratore , incaricato d'affari per un alto funzionario , una grande famiglia , una corporazione , un corpo militare , ecc .; forma persiana della parola turca kahya»
  2. ^ Franco Cardini, Il Turco a Vienna: Storia del grande assedio del 1683, Gius.Laterza & Figli Spa, 1º gennaio 2015, p. kethüda, pas, a: luogotenente, ISBN 978-88-581-1987-7. URL consultato il 9 agosto 2021.
  3. ^ Studi Veneziani, Giardini., 2003, p. 231. URL consultato il 9 agosto 2021.
    «[...] da parte di un sovrintendente ( kethüda )»
  4. ^ Mehmet Fuat Köprülü, Alcune osservazioni intorno all'influenza delle istituzioni bizantine sulle istituzioni ottomane, Istituto per l'Oriente, 1953, p. 169. URL consultato il 9 agosto 2021.
    «kethüda ( supplente , vice )»
  5. ^ a b c d e f Orhonlu, Baer, Ed., 1978, pp. 893-894.

BibliografiaModifica

  • Orhonlu, Cengiz e Baer, G. and Ed., Ketk̲h̲udā, in Encyclopaedia of Islam, Second Edition., IV: Iran–Kha, pp. 893-894.OCLC 758278456