Apri il menu principale
L'Italia che scrive
StatoItalia Italia
Periodicitàmensile
Genererivista
FondatoreAngelo Fortunato Formíggini
Fondazione1918
Chiusura1978
SedeVia Angelo Secchi 3, Roma
EditoreA. F. Formiggíni Editore in Roma
DirettoreAngelo Fortunato Formíggini
Paolo Cremonese
Mario Vinciguerra
Nicola Francesco Cimmino
ISSN0021-2768 (WC · ACNP)
 

L'Italia che scrive: rivista per coloro che leggono è stata una rassegna bibliografica fondata da Angelo Fortunato Formíggini e pubblicata a Roma con periodicità mensile a partire dal 1918.

StoriaModifica

La rivista fu diretta dal fondatore Angelo Fortunato Formíggini fino al 1938, quindi da Paolo Cremonese fino al 1943. Dopo una pausa di due anni (dal n. 5/7 del 1943 al 29 nov. 1945), la direzione passò a Mario Vinciguerra e infine a Nicola Francesco Cimmino.

Insieme alla funzione principale di informatore bibliografico, essa si occupò di questioni legate alla diffusione della cultura e della lingua italiana.[1]

NoteModifica

  1. ^ Fava, p. 78.

BibliografiaModifica

  • Italia che scrive, L', su Enciclopedia online, Treccani.
  • Gianfranco Tortorelli, L'Italia che scrive (1918-1938): l'editoria nell'esperienza di A.F. Formiggini, Milano, F. Angeli, 1996.
  • Sabrina Fava, Percorsi critici di letteratura per l'infanzia tra le due guerre, Milano, Vita e Pensiero, 2004.

Collegamenti esterniModifica