Apri il menu principale

La strada buia

film del 1950 diretto da Marino Girolami e (per la vers. anglofona) Sidney Salkow
La strada buia
Titolo originaleFugitive Lady
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneItalia, Regno Unito
Anno1950
Durata86 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generedrammatico, giallo
RegiaMarino Girolami e (per la vers. anglofona) Sidney Salkow
SoggettoPhilip Jordan (dal romanzo Dark Road)
SceneggiaturaJohn O'Dea
Casa di produzioneScalera Film, Venus Film, Mitchell John Frankovich
Distribuzione in italianoScalera Film (1950)
FotografiaTonino Delli Colli
MontaggioNino Baragli
MusicheVictor Damiante
ScenografiaOttavio Scotti
TruccoRaimondo Van Riel
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

La strada buia (Fugitive Lady) è un film del 1950 diretto da Marino Girolami e Sidney Salkow.

TramaModifica

Il ricco industriale Raul Clementi dopo esser uscito da una taverna in stato di ubriachezza si allontana a bordo della sua auto nelle vicinanze di Roma, ma giunto nei pressi del lago di Nemi, non accortosi della strada interrotta, precipita in un burrone e muore. Dal momento che egli aveva stipulato un'assicurazione sulla vita di 100 000 sterline, la moglie Barbara si appresta a riscuotere il premio della polizza. Jack Di Marco, investigatore assicurativo, anche grazie alla sorellastra della vittima, Esther, che appare distaccata dalla cognata e dal suo finto dolore, indaga sulla storia dei protagonisti. Esther nutriva segretamente dei sentimenti per il fratellastro, ma Raul si era innamorato di Barbara, cantante nei locali notturni, e l'aveva sposata.

Col passare del tempo però l'affetto di Barbara verso il marito si era ridotto ad una forzata sopportazione; nella vita di lei era rientrato il suo vecchio amante, Jim West. Scoperta da Raul, cercò di ottenere il divorzio da lui, ma l'uomo le negò la soddisfazione. Impossibilitata a separarsi da lui legalmente, decise di sbarazzarsi di lui. In una notte tempestosa, indusse un ubriaco Raul a salire in auto; due cartelli stradali scambiati furono la causa dell'incidente. Jim, anch'egli all'oscuro della premeditazione del fatto, grazie a una confessione del guardiano della villa, intuisce che a pianificare l'incidente è stata Barbara. Quando questi, disgustato dal conoscere la perfidia della donna, la abbandona, ella gli spara mortalmente alle spalle. Alla vista di Jack, che di nascosto ha assistito all'omicidio, Barbara fugge dalla villa in automobile, ma perde la vita nello stesso incidente, da lei stessa organizzato, capitato al marito.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema