Apri il menu principale
Lafarge
Logo
StatoFrancia Francia
Forma societariaSociété anonyme
Borse valoriEuronext: LG
NYSE: LR
ISINFR0000120537
Fondazione1833 a Le Teil
Fondata daJoseph-Auguste Pavin de Lafarge
Chiusura2015 fusione in LafargeHolcim
Sede principaleParigi
GruppoGroupe Bruxelles Lambert
FilialiOrascom Cement
Persone chiaveEric Olsen (Chairman e Chief Executive Officer)
Jean-Jacques Gauthier (Chief Financial Officer)
SettoreMateriale da costruzione
ProdottiCemento, calcestruzzo, inerte
Fatturato12.843 M (2014)
Utile netto274 M (2014)
Slogan«Les matériaux au cœur de la vie»
Sito web

Lafarge è stata un'azienda francese di materiali da costruzione, leader mondiale nel suo settore, seguita da Holcim.

Il primo progetto importante è stato il cantiere del canale di Suez nel 1864, nel quale Lafarge ha consegnato 200.000 tonnellate di calce idraulica per costruire i moli del canale.

Era quotata alla borsa di Parigi dal 1923 e faceva parte dell'indice CAC 40 dal 1988. Essa operava in tre attività principali: cementi e leganti (66,5%), granulati e calcestruzzi (33,1%) e intonaci (0,4%). A fine 2014, il gruppo aveva 112 cementifici, 37 stazioni di schiacciamento, 437 cave di granulati e 1.026 impianti di calcestruzzo, nel mondo. La ripartizione geografica del fatturato era al 2014: Europa (24,7%), Africa e Medio Oriente (28,9)%), America del Nord (23,4%), Asia (17,4%) e America Latina (5,6%).

Il 10 luglio 2015, Lafarge si è fusa con Holcim, società svizzera e numero due del settore. Il 15 luglio, la nuova società è stata ufficialmente presentata in tutto il mondo sotto il nome di LafargeHolcim, nuovo leader nel settore dei materiali da costruzione.

Nel giugno 2016, Le Monde rivela che Lafarge avrebbe finanziato lo Stato Islamico tra la primavera 2013 e la fine dell'estate 2014 al fine di poter continuare le sue attività nella zona di conflitto in Siria. Nel giugno 2018, Lafarge è imputata di «violazione di un embargo», «messa in pericolo della vita altrui» e «complicità di crimini contro l'umanità».

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1776 3688 · GND (DE4673985-3