Apri il menu principale
Relatio de innovatione ecclesie sancti Gemeniani, Modena, Archivio capitolare, Ms.O.II.11, c.1v.

Lanfranco (XI secoloXII secolo) è stato un architetto italiano, di età romanica, la cui attività è documentata dal 1099 nel duomo di Modena, sua unica opera certa. Il suo nome è citato, in rapporto alla progettazione del duomo, in un codice del XIII secolo conservato a Modena e nell'epigrafe commemorativa murata nell'abside del duomo stesso.

Indice

BiografiaModifica

La Relatio translationis corporis Sancti Geminiani è un testo anonimo del 1106 attribuito ad Aimone, tramandatoci in una copia del XIII secolo conservata nell'Archivio capitolare di Modena, nel quale si raccontano le vicende relative alla costruzione del duomo. Nel manoscritto Lanfranco viene ricordato come responsabile del progetto e la sua presenza nel cantiere, seguìta alla lunga ricerca di un architetto qualificato in luoghi diversi e lontani, viene considerata come provvidenziale dall'estensore.[1] Un foglio miniato, inserito nello stesso manoscritto ma non pertinente ad esso, reca quattro miniature nelle quali Lanfranco, ricordato nelle didascalie come "Lanfrancus architector", viene rappresentato con vesti ricche rispetto a quelle umili degli operai, mentre, tenendo in mano la verga del comando, dirige i lavori per lo scavo delle fondamenta e per la messa in opera di una parete. Anche le miniature confermano quindi la piena dignità intellettuale già assegnata a Lanfranco nel testo della Relatio.[2]

Il nome di Lanfranco, evidentemente un maestro già rinomato al momento dell'incarico da parte dei modenesi, ritorna nell'epigrafe marmorea murata nell'abside maggiore del duomo, incisa nel periodo del massaro Bozzalino (1208-1225), ma i cui versi risalgono anch'essi al tempo di Aimone e più precisamente al 1106, anno della consacrazione dell'altare di San Geminiano. Vi si legge: ".

(LA)

«"Ingenio clarus Lanfrancus doctus et aptus
Est operis princeps huius rectorq(ue) magister"»

(IT)

«[...] Lanfranco, illustre per impegno, dotto e capace
è il protomastro e il direttore dell'edificio»

(Epigrafe, Duomo di Modena[3])

A queste testimonianze documentali si affianca un contesto monumentale che non permette, a causa di interventi successivi stratificatisi nel tempo, una piena identificazione della personalità dell'architetto. Dal progetto originale del duomo sembra potersi dedurre un retroterra culturale che rimanda da un lato alla chiesa di Santa Maria Maggiore a Lomello e da un altro al cantiere della cattedrale di Pisa,[3] entrambe facenti parte dei domini di Matilde di Canossa.

Un motivo architettonico lanfranchiano viene individuato nella serie continua di loggette che cingono interamente l'edificio entro arcate cieche, ripetuto all'interno nei matronei. L'allontanamento dalla cultura lombarda, nella scelta della copertura lignea e della linearità in opposizione alla plasticità, viene interpretato come deciso e diretto richiamo all'architettura paleocristiana il quale, se non ebbe conseguenze dirette sulle opere architettoniche di epoca successiva, a parte il duomo di Ferrara la cui struttura originale riproponeva quella modenese in scala maggiore,[3] mette in stretta relazione le origini di Lanfranco e quelle di Wiligelmo. La tesi di Quintavalle, che tende a far confluire il lavoro di questi due autori entro un più complesso disegno di cantieri aperti, per volontà di Matilde di Canossa, nell'ambito della riforma cluniacense, li vede in seguito entrambi attivi, insieme agli altri due principali scultori del duomo di Modena (il Maestro di Artù e il Maestro della Porta dei principi), nel duomo di Cremona per un periodo compreso tra il 1107 e il 1115.[1]

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Maria Grazia Fachechi, Lanfranco, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 63, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2004. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  • P. Rossi, Modena, in Enciclopedia dell'arte medievale, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1997.
  • Arturo Carlo Quintavalle, Wiligelmo, in Enciclopedia dell'arte medievale, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 2000.

Voci correlateModifica