Lavorazioni plastiche

Le lavorazioni plastiche si basano sul fenomeno per il quale applicando forze esterne si inducono in un materiale delle deformazioni plastiche, ovvero che permangono al cessare delle sollecitazioni, a differenza delle deformazioni elastiche, che invece scompaiono al cessare della sollecitazione.

ClassificazioneModifica

Le lavorazioni plastiche possono essere a caldo e a freddo.

Le lavorazioni a caldo includono:

  • Fucinatura: generalmente detta forgiatura, sfrutta le proprietà plastiche di un materiale riscaldato sotto una notevole pressione trasmessa con un sol colpo o gradualmente, per fargli assumere la forma prestabilita. La fucinatura può essere fatta a mano o a macchina.
  • Laminazione a caldo
  • Estrusione
  • Sinterizzazione

Le lavorazioni a freddo includono:

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 45013
  Portale Scienza e tecnica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienza e tecnica