Apri il menu principale
Monumento a otto vittime della rappresaglia austriaca del 1849, del 1881
Cariatidi del mercato di Livorno

Lorenzo Gori (Livorno, marzo 1842Livorno, 14 marzo 1923) è stato uno scultore italiano.

Si formò presso la bottega di un intagliatore e successivamente si trasferì a Firenze, frequentando, negli anni sessanta del secolo i corsi dell'Accademia di Belle Arti assieme a Aristodemo Costoli ed Enrico Pollastrini. Nel 1867 aprì uno studio personale a Firenze, città nella quale era solito recarsi al Caffè Michelangiolo, celebre ritrovo dei Macchiaioli.

Rientrato a Livorno, ricevette numerose commissioni pubbliche e private: dal caminetto realizzato per la famiglia Mimbelli (1874), alle cariatidi del Mercato Centrale di Livorno (1893), passando per il monumento a Francesco Domenico Guerrazzi (1885) e i numerosi monumenti funebri, in particolare nel cimitero comunale dei Lupi (Andrea Sgarallino, Jacopo Sgarallino, Oreste Franchini e quello in ricordo delle vittime della rappresaglia austriaca per i fatti del 1849).

Accanto a questa intensa attività, si dedicò all'insegnamento (tra i suoi allievi si ricordano Umberto Fioravanti, Cafiero Filippelli e Ermenegildo Bois) e alla promozione culturale; fu anche articolista de Il Giornale Antico di Firenze e de Il Telegrafo di Livorno, nonché restauratore, seguendo ad esempio l'arretramento del monumento dei Quattro mori verso le mura cittadine. Fu attivo nella commissione del museo civico di Livorno e Ispettore dei Monumenti per gli scavi di antichità della provincia di Livorno.

BibliografiaModifica

  • L. Dinelli (a cura di), Il monumento sepolcrale di otto vittime degli Austriaci nel Cimitero della Cigna, Livorno 2012.
  • A. Ponci, Lorenzo Gori scultore, in "Liburni Civitas", III, 1930, 1, pp. 29-40.

Altri progettiModifica