Madonna di Ince Hall

dipinto di Jan van Eyck

La Madonna di Ince Hall o Madonna col Bambino leggente è un dipinto a olio su tavola di attribuzione incerta a Jan van Eyck, realizzato nel 1433 e conservato nel National Gallery of Victoria di Melbourne in Australia.

Madonna di Ince Hall
Jan van Eyck 075.jpg
Madonna col Bambino leggente
Autoreattribuzione incerta a Jan van Eyck
Data1433
Tecnicaolio su tavola
Dimensioni26,5×19,5 cm
UbicazioneNational Gallery of Victoria, Melbourne

StoriaModifica

Forse dopo un suo dipinto originale ora perduto del 1433 - un'altra copia della stessa opera è ora nella chiesa della Colegiata a Covarrubias in Spagna[1]. È documentato per la prima volta nel 1619, quando era in Sicilia e successivamente riapparve nella collezione di Charles Blundell a Ince Blundell Hall vicino a Liverpool all'inizio del XIX secolo, per la quale è talvolta noto come la Madonna di Ince Hall. Fu restaurato lì da George Frederick Zink nel 1822. Fu acquisito dalla famiglia Weld-Blundell dalla National Gallery of Victoria (NGV) a Melbourne nel 1922 utilizzando i fondi del Felton Bequest [2].

IscrizioneModifica

L'iscrizione sulla parete sinistra in alto recita: "COPLETV ANO D M CCCC XXXIIJ P IOHEM DE EYC BRVGIS". Si traduce "Completato nell'anno di Nostro Signore 1433 di Jan van Eyck, Bruges". A destra dell'arazzo compare il motto personale di van Eyck in lettere greche "ALC IXH XAN" ("Come posso"), giocando sulla somiglianza tra il suo cognome e "IXH" (traslitterazione di "ich" o "I" in carattere greci).( Greci antichi).

AttribuzioneModifica

Alla sua acquisizione da parte della NGV nel 1922 fu considerata un'opera autografa di van Eyck. Anche così, i test di laboratorio nel 1958 di P. Coremans, A. Philippot e R.V. Sneyers all'IRPA in Belgio, uno studio di spettroscopia infrarossa nel 2003 e altre caratteristiche hanno contribuito alla sua deattribuzione[3][4].

Ad esempio, la relazione spaziale tra le due figure e i mobili circostanti è solo vagamente accennata e la prospettiva e la profondità spaziale non sono così sviluppate come in opere autografe come la Madonna di Lucca e la Madonna del cancelliere Rolin[5]. La firma compare anche sul pannello sopra il dipinto stesso, quando l'artista era noto per firmare sulla cornice; alcuni storici dell'arte sostengono che le iscrizioni fossero originariamente in una cornice firmata ma quando questa è andata perduta o sostituita sono state dipinte sul pannello stesso da una mano sconosciuta[6].

DescrizioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Van Eyck. Cologne: Taschen. 2008. p. 96. ISBN 978-3-8228-5686-4.
  2. ^ (EN) The Virgin and Child, su ngv.vic.gov.au. URL consultato l'11 settembre 2022.
  3. ^ P. Coremans, A. Philippot and R.V. Sneyers, Examen de laboratoire de la Vierge d'Ince Hall, 14 novembre 1958
  4. ^ Hugh Hudson, « Shedding light on a Eyckian Virgin : the Infrared Reflectography of the 'Ince Hall Virgin and child' » in Le dessin sous-jacent et la technologie dans la peinture.
  5. ^ Jochen Sander (ed.): Fokus auf Jan van Eyck: Lucca-Madonna, um 1437/38 (Inv. Nr. 944). Städel Museum, Frankfurt am Main 2006, S. 37–38.
  6. ^ (EN) The National Gallery of Victoria’s Virgin and Child, by a follower of Jan van Eyck: a continuing reassessment, su ngv.vic.gov.au, 25 settembre 2014. URL consultato l'11 settembre 2022.

Altri progettiModifica

BibliografiaModifica

  • Valentin Denis, Van Eyck, Nathan, 1982, p. 81.
  • Otto Pächt, Van Eyck. Die Begründer der niederländischen Malerei. Herausgegeben von Maria Schmidt-Dengler. Prestel, München 1989, ISBN 3-7913-1033-X 3-7913-1033-X, S. 87–88.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura