Apri il menu principale

BiografiaModifica

Frequentò le scuole elementari artistiche e parallelamente prese lezioni private di composizione da Ján Cikker. Fu poi allievo del Conservatorio di Bratislava, dove studiò pianoforte sotto la guida di Roman Berger e composizione sotto la guida di Andrej Očenáš.[1]

Dopo tre anni, nel 1967, abbandonò il conservatorio e in breve tempo entrò a far parte del gruppo Prúdy, con cui incise nel 1969 il leggendario album Zvoňte, zvonky. Per contrasti con il gruppo abbandonò anche i Prúdy e formò il primo gruppo di art rock slovacco, il Collegium Musicum.

Il repertorio del gruppo consisteva prevalentemente di composizioni strumentali che includevano oltre alla reinterpretazioni di brani classici (Haydn, Bartók, Stravinskij e altri) anche pezzi originali con elementi tipici della musica artistica postmoderna (ad esempio „Eufónia“ dell'album Konvergencie).

Dopo lo scioglimento del Collegium Musicum (1979) Marián Varga decise di esibirsi come solista e fu uno dei primi musicisti a dedicarsi al concetto di improvvisazione assoluta, ossia alla composizione della musica in tempo reale.

Si dedicò anche alle canzoni, in collaborazione con Pavol Hammel, con cui pubblicò cinque album e compose il primo musical rock slovacco – Cyrano z predmestia ("Cyrano di periferia").[1]

DiscografiaModifica

Album da solistaModifica

Con il gruppo PrúdyModifica

Con il gruppo Collegium MusicumModifica

CompilationModifica

Con Pavol HammelModifica

Con Vladimír MertaModifica

Con Karel Kryl e Daniela BakerováModifica

Con Pavel Fajt, Václav Cílek, Josef Klíč e Geert WaegemanModifica

Altri braniModifica

RiconoscimentiModifica

  Croce di Pribina di II classe
«Per il contributo alla cultura slovacca nell'ambito dell'arte musicale»
— 2015

Nel giorno del suo ultimo compleanno, il 29 gennaio 2017, Marián Varga fu premiato con il Krištáľové krídlo alla carriera.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b (SK) Marián Varga : Profil osobnosti, Bratislava, Hudobné centrum, ultimp accesso il 22 gennaio 2018
  2. ^ (SK) Laureáti Krištáľového krídla za rok 2016, Bratislava, 30 gennaio 2016, ultimo accesso il 22 gennaio 2018

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51116559 · ISNI (EN0000 0000 7874 2312 · LCCN (ENn2006056991 · GND (DE130553980 · WorldCat Identities (ENn2006-056991