Marine, originariamente intitolata Marine, fille de pirate, è una serie a fumetti francese per ragazzi, scritta da François Corteggiani e disegnata da Pierre Tranchand. È stata pubblicata dal 1979 al 1992 su vari periodici (Pif Gadget[1], Le Journal de Mickey[2] e Hello Bédé[3]).

Marine, figlia di un pirata
fumetto
Lingua orig.francese
AutoreFrançois Corteggiani, Pierre Tranchand
DisegniPierre Leoni
EditoreÉditions Vaillant Journal de Mickey Hop !
1ª edizione1979 Pif Gadget - Le Journal de Mickey – 1992 Hello Bédé
Periodicitàsettimanale e riedizioni

La serie è ambientata nella seconda metà del XVIII secolo (il primo racconto parla del maggio 1775). Marine è la figlia orfana di Caiman, un famoso pirata scomparso. La serie racconta le sue avventure in giro per il mondo, in compagnia del suo cane Pépito e degli ex bucanieri che navigavano con suo padre, tra cui Tabasco e Tafia. Marine ha anche un dono per il ventriloquismo che usa in certe situazioni.[4][5]

Pubblicazioni modifica

Periodici modifica

  • Marine, ragazza pirata, in Pif Gadget[1]:

La pubblicazione di Marine inizia nel 1979 su Pif Gadget n. 544 con il titolo Marine, fille de pirate. I racconti avevano la forma di brevi narrazioni di una mezza dozzina di tavole Queste storie sono state raccolte vent'anni dopo nei cinque album Les Mini-aventures de Marine[6][7], pubblicati da Clair de Lune, tra il 2003 e il 2006.

  • Marine, nel Le Journal de Mickey[2][8], :

Gli autori hanno ripreso la serie, con il nome di Marine, dal 1984 su Le Journal de Mickey (n. 1673), poi su Hello Bédé (n. 9028) dal 1990. Le avventure assunsero ora la forma di storie complete e pubblicate in forma seriale. In questa occasione, lo stile grafico della serie è stato significativamente modificato dagli autori. Le prime cinque storie di questa nuova serie sono state pubblicate in albi da Hachette, le successive quattro dall'editore Lombard. Gli 11 album sono stati ristampati da Clair de Lune tra il 2002 e il 2006, con nuove copertine disegnate da Pierre Tranchand.

Album modifica

Gli album sono stati pubblicati da Hachette tra il 1984 e il 1992, poi ristampati da Clair de lune, nella collana "Espiègle", dal 2002 al 2006, con colori rielaborati da Pierre Leoni[9].

  • 1, Le Serment de la tour noire[10], Hachette, ottobre 1984. Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno: Pierre Tranchand[11]
  • 2, Cap au large, Hachette, maggio 1985 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[12]- Colori: Brigitte Findakly
  • 3, Le Trésor du caïman, Hachette, ottobre 1985
  • 4, L'Empereur des singes, Hachette, giugno 1986 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[14]- Colori: Jacqueline Guénard
  • 5, Les Yeux de Kukulkan, Hachette, ottobre 1987 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[15] - Colori: Jacqueline Guénard
  • 6, Les Lutins de Morleroc, Hachette, novembre 1988 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[16] - Colori: Jacqueline Guénard
  • 7 Traquenard en Corse, Hachette, ottobre 1989 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[17] - Colori: Jacqueline Guénard
  • 8 La Princesse engloutie, Hachette, settembre 1990 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[18] - Colori: Jacqueline Guénard
  • 9 Les Demoiselles du Québec, Hachette, marzo 1992 Sceneggiatura: François Corteggiani - Disegno : Pierre Tranchand[19] - Colori: Jacqueline Guénard

Note modifica

  1. ^ a b Marine fille de pirate dans Vaillant/Pif, su bdoubliees.com. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  2. ^ a b Marine fille de pirate dans Journal de Mickey, su bdoubliees.com. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  3. ^ Hello Bédé dans Hop !, su bdoubliees.com. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  4. ^ Christophe Quillien, Pif gadget : 50 ans d'humour, d'aventures et de BD, 2018, pp. 124 . 127, ISBN 978-2-258-15260-1, OCLC 1089413076. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  5. ^ Patrick Gaumer, Dictionnaire mondial de la BD, Larousse, 2010, p. 565., ISBN 978-2-03-584331-9, OCLC 652381718. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  6. ^ (FR) Philippe MAGNERON, Marine (Les mini aventures de) - BD, informations, cotes, su www.bedetheque.com. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  7. ^ Les Mini-Aventures de Marine. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  8. ^ (FR) Philippe MAGNERON, Hello Bédé, su www.bedetheque.com. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  9. ^ Jean-Pierre Fuéri, "Marie est là", BoDoï, n. 62, aprile 2003, pag. 16
  10. ^ Virginie Greiner, « Marine est là ! », BoDoï, no 52, mai 2002, p. 16.
  11. ^ Pierre, ... Tranchand e Impr. Brodard), Le Serment de la tour noire, Hachette, 1984, ISBN 2-01-009930-3, OCLC 417101196. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  12. ^ Pierre Tranchand, Cap au large, Hachette, 1985, ISBN 2-7333-0173-X, OCLC 18225493. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  13. ^ Pierre, ... Tranchand e Impr. Brodard), Le Trésor du caïman, vol. 3, Hachette, 1985, ISBN 2-7333-0193-4, OCLC 580706875. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  14. ^ Pierre, ... Tranchand e Impr. Brodard), L'Empereur des singes, [4], Hachette, 1986, ISBN 2-7333-0259-0, OCLC 461730105. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  15. ^ Pierre, ... Tranchand, Les Yeux de Kukulkan, vol. 5, Hachette, 1987, ISBN 2-7316-0511-1, OCLC 462060471. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  16. ^ François Corteggiani, Les lutins de Morleroc, vol. 6, 1988, ISBN 2-8036-0728-X, OCLC 1351805616. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  17. ^ Pierre Tranchand, Traquenard en Corse, Éditions du Lombard, 1989, ISBN 2-8036-0784-0, OCLC 319854416. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  18. ^ Pierre Tranchand, La princesse engloutie, Éditions du Lombard, 1990, ISBN 2-8036-0841-3, OCLC 319868755. URL consultato il 10 febbraio 2023.
  19. ^ François Corteggiani, Les demoiselles du Québec, Ed.du Lombard, 1992, ISBN 2-8036-0916-9, OCLC 416685403. URL consultato il 10 febbraio 2023.

Bibliografia modifica

  • Patrick Gaumer, "Marine", in Dictionnaire mondial de la BD, Paris, Larousse, 2010 (ISBN 9782035843319), p. 565.
  • Christophe Quillien, "Marine, fille de pirate", in Pif Gadget: 50 ans d'humour, d'aventure et de BD, Hors Collection, ottobre 2018 (ISBN 9782258152601), pp. 124-127.
  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti