Apri il menu principale
Mastazzoli
01mastazzola.PNG
Mastazzoli dolce tipico della Cucina siciliana.
Origini
Altri nomimastazzola
mustazzola
Luogo d'origineItalia Italia
DiffusioneSicilia
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principalifico d'india
zucchero
vaniglia
noci tritate
ciliegie
canditi
VariantiMustaccioli napoletani
Mustazzoli
.
 

I mastazzoli[1] detti in dialetto mastazzola, sono dei tipici dolci siciliani, più precisamente della zona etnea e della provincia di Catania

Indice

Cenni storiciModifica

Dolce consumato già all'epoca del Regno delle Due Sicilie[2] Veniva servito in occasione di feste, da quella del Santo Patrono arrivando al matrimonio, ma anche . Veniva consumato anche come rito propiziatorio del raccolto annuale. Si tramandano le sue proprietà salutari.[3].

PreparazioneModifica

Viene tritata la polpa dei ficodindia dell'Etna, il tutto amalgamato e poi fatto bollire fino ad ottenere un impasto caramellato, il preparato viene fatto essiccare al sole per alcuni giorni. Si serve con noci tritate e zucchero a velo vanigliato da versare sopra.

VariantiModifica

Esistono numerose varianti, alcune di esse sono presenti nella regione salentina e prendono il nome di mustazzoli e nella regione campana con il nome di mustaccioli.

NoteModifica

  1. ^ Rizzo R., Iozzia M., La cucina dei Benedettini a Catania, Maimone, 2000, ISBN 978-88-7751-144-7.
  2. ^ Spagnoletti A., Storia del regno delle due Sicilie, Il Mulino, 2008, ISBN 978-88-15-12825-6.
  3. ^ Pitrè G., Medicina popolare siciliana, C. Clausen, 1896.

BibliografiaModifica

  • Salvatore Farina, Dolcezze di Sicilia. Arte cultura storia tradizioni e ricette dei dolci e della pasticceria di Sicilia, Lussografica, 2009, pag.192, ISBN 88-8243-214-9.
  • Eleonora Consoli, La cucina del sole. Ricette siciliane di ieri e di oggi, Flaccovio, 2004, pag.383, ISBN 88-7758-607-9.
  • Salvatore Spoto, Sicilia antica, Urso, 2002, pag.354.
  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina