Apri il menu principale

Matrimonio mistico di santa Caterina d'Alessandria (Parmigianino Parigi)

dipinto di Parmigianino
Matrimonio mistico di santa Caterina d'Alessandria
Parmigianino, matrimonio mistico di santa caterina, louvre.jpg
AutoreParmigianino
Data1529 circa
Tecnicaolio su tavola
Dimensioni20×27 cm
UbicazioneLouvre, Parigi

Il Matrimonio mistico di santa Caterina d'Alessandria è un dipinto a olio su tavola (20x27 cm) del Parmigianino, databile al 1529 circa e conservato nel Museo del Louvre a Parigi.

Indice

StoriaModifica

Acquisizione recente del museo parigino, del 1992, su dono delle Société des amis du Louvre, l'opera, incompiuta, è in genere datata al periodo bolognese dell'artista o tutt'al più a qualche anno prima, durante il soggiorno romano. In precedenza aveva fatto parte della collezione di don Gaspar Mendez de Haroy Guzman, ambasciatore di Spagna a Roma, dal 1683 al 1687. Passò poi a Giovanni Battista Sommariva e, dal 1823, a Frédéric Reiset.

Si conoscono varie copie antiche della tela: una al Museo Pushkin di Mosca, una a Modena già nella collezione Campori, una passata in asta nel mercato antiquario londinese il 19 aprile 1994, da Phillips.

Descrizione e stileModifica

La composizione si svolge in orizzontale con le figure a metà, riprendendo uno schema dei pittori veneti. Al centro Maria tiene in braccio il Bambino, che si volge a sinistra a infilare l'anello all'anulare di santa Caterina d'Alessandria, mentre a sinistra si vede una figura maschile con libro, forse san Giuseppe. Quest'ultimo intendeva forse ricordare l'effigie del committente, da alcuni indicato nell'artista Valerio Belli.

I personaggi sono definiti solo sommariamente nelle silhouettes, su una base color terra che maschera a malapena il supporto ligneo. Il volto della Madonna, che ricorda la Madonna Aldobrandini di Raffaello, è invece quasi finito, così come l'albero fronzuto sullo sfondo e una brano del paesaggio, compreso il cielo. La cromia e la rapidità della pennellata conferma la vicinanza a opere bolognesi come la Madonna di Santa Margherita.

BibliografiaModifica

  • Mario Di Giampaolo ed Elisabetta Fadda, Parmigianino, Keybook, Santarcangelo di Romagna 2002. ISBN 8818-02236-9

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura