Max Fridman

personaggio dei fumetti
Max Fridman
Lingua orig.Italiano
AutoreVittorio Giardino
EditoreEdizioni L'Isola Trovata
1ª app.1982
1ª app. inOrient Express n. 1
SessoMaschio
Etniafrancese
Luogo di nascitaParigi
Data di nascita4 gennaio 1898

Maximilien David "Max" Fridman è un personaggio dei fumetti creato da Vittorio Giardino, protagonista dell'omonima serie.

Storia editorialeModifica

Giardino ha completato 5 cicli di storie, tutti raccolti in volume (la data si riferisce alla prima edizione):

  • Rapsodia Ungherese (Edizioni L'Isola Trovata, 1982)[1]
  • La Porta d'Oriente (Edizioni Milano Libri, 1986)[2]
  • No Pasaran vol. I (Lizard Edizioni, 2000)[3]
  • No Pasaran vol. II (Lizard Edizioni, 2002)[3]
  • No Pasaran vol. III (Lizard Edizioni, 2008)

CaratteristicheModifica

Sempre con la caratteristica barba rossa e con un carattere introverso, Fridman è un ex agente dei servizi segreti francesi domiciliato a Ginevra, richiamato suo malgrado nel febbraio 1938. Sebbene non dotato di forza fisica e coraggio straordinari, è considerato uno dei migliori professionisti nel campo.

ContestoModifica

Le storie di Max Fridman si svolgono tutte nel 1938, sullo sfondo di una situazione europea che volge decisamente verso la guerra sempre più imminente; a proposito di ciò, Vittorio Giardino ha infatti dichiarato: «Ho collocato Max Fridman in un preciso contesto storico perché volevo parlare, in generale, di storia e di politica, e di quanto i grandi fatti influiscano sulle nostre piccole storie personali. Per un attimo ho pensato di farne un eroe di oggi, ma poi ho avuto il dubbio, ritengo sensato, che i tempi della letteratura non possano mai coincidere con l'attualità.» [4]. Giardino cura al massimo ogni dettaglio, dalle date agli spostamenti all'abbigliamento dei personaggi, che si intersecano con le vicende del protagonista in Ungheria, Grecia, Turchia e Spagna.

NoteModifica

  1. ^ La storia è stata prima pubblicata a puntate sulla rivista Orient Express nn. 1-4 (1982), successivamente raccolta in volume.
  2. ^ La Storia è stata pubblicata prima sulla rivista Corto Maltese nel 1985 (anno III, nn. 6-12).
  3. ^ a b Pubblicato in italiano direttamente in volume.
  4. ^ Citato in I classici del fumetto di Repubblica N.20 - Max Fridman, pag. 11.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti