Menaka (mitologia)

personaggio della mitologia induista

Menaka (sanscrito: मेनका) è un personaggio della mitologia induista, un'apsaras, ovvero uno spirito delle nuvole. Appare sia nel Rāmāyaṇa che nel Mahābhārata.

Menaka seduce Vishvamitra. Dipinto di Raja Ravi Varma.

MitologiaModifica

Menaka era una delle più belle tra le apsaras[1], ed era inoltre dotata di grande intelligenza e talento. Non contenta del suo ruolo divino, desiderava una famiglia.

Vishvamitra, uno dei saggi più rispettati e venerati nell'antica India, spaventò gli dei con il suo crescente potere, e cercò persino di creare un altro paradiso: Indra allora inviò Menaka sulla terra, per attirarlo e interrompere la sua meditazione. Menaka incitò con successo la lussuria e la passione di Vishvamitra, tuttavia si innamorò sinceramente di lui, e dalla loro unione nacque una bambina che venne chiamata Shakuntala[2].

Quando Vishvamitra si rese conto di essere stato ingannato da Indra, si adirò. Ma si limitò a maledire Menaka perché fosse separata da lui per sempre, perché anche lui l'amava, e sapeva che la ninfa aveva ormai perso tutte le intenzioni subdole nei suoi confronti[3].

Nel Pauloma Parva del Mahabharata, si dice che Menaka ebbe anche una figlia con il gandharva Visvavasu. Si vergognava di aver dato alla luce la bambina, così la lasciò davanti all'eremo del saggio Sthulakesha. Il saggio adottò la bambina e la chiamò Pramadvara, che in seguito sposò Ruru, un discendente del saggio Bhrigu[4].

NoteModifica

  1. ^ Devdutt Pattanaik, The Goddess in India: The Five Faces of the Eternal Feminine, Inner Traditions / Bear & Co, 2000, p. 67.
  2. ^ (EN) Arshia Sattar, The ultimate male fantasy, in The Hindu, 22 giugno 2017, ISSN 0971-751X (WC · ACNP). URL consultato il 5 settembre 2020.
  3. ^ अप्सरा मेनका ने क्यों छोड़ दिया था विश्वामित्र को? | apsara Menaka story, su hindi.webdunia.com. URL consultato il 5 settembre 2020.
  4. ^ Pauloma Parva, Section VIII, PC Roy Mahabharata link: http://www.holybooks.com/mahabharata-all-volumes-in-12-pdf-files

Altri progettiModifica