Moschea di Omar ibn al-Khattab

moschea della Colombia

La moschea di ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb è una moschea situata a Maicao, nel dipartimento de La Guajira, in Colombia.

Moschea di ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb
Mezquita Maicao Colombia Yuri Romero Picon.JPG
Il minareto di Maicao
StatoColombia Colombia
DipartimentoLa Guajira
LocalitàMaicao
Coordinate11°22′41″N 72°14′04″W / 11.378056°N 72.234444°W11.378056; -72.234444
Religioneislam
TitolareʿUmar ibn al-Khaṭṭāb
Consacrazione1997
ArchitettoAlí Namazi
Stile architettonicoislamico
Inizio costruzione1997
Completamento17 settembre 1997
Sito webvisitandolamezquita.blogspot.de/

Conosciuta localmente come "La Mezquita" (per il fatto che è l'unica moschea della regione), l'edificio è la terza moschea più grande dell'America Latina (la seconda al momento della costruzione), dopo il Centro culturale islamico Re Fahd di Buenos Aires e la moschea di Caracas.

La moschea, unitamente alla vicina scuola "Dar Alarkan", fu inaugurata il 17 settembre 1997[1] ed è dedicata alla memoria del secondo califfo sunnita Omar Ibn Al-Khattab.

ArchitetturaModifica

La struttura, progettata dall'architetto iraniano Alí Namazi, può ospitare oltre 1.000 persone.

All'ingresso vi è un grande salone con quadri in cui vi sono scritte arabe. Più avanti, in un'altra stanza più grande di quella precedente, vi è il luogo usato dagli uomini per pregare e per riunirsi al termine del ramadam.

Sul tetto vi sono manufatti e varie decorazioni.

Nella direzione opposta alla Mecca c'è il luogo dove pregano le donne, un posto elevato nella stessa grande sala.

La parte superiore del palazzo è dominata il minareto.

All'uscita della moschea, sotto le grandi scale, c'è una sala usata come camera ardente, in cui possono essere eseguite le autopsie.

NoteModifica

  1. ^ (ES) La Mezquita Omar Ibn Al Khattab, 10 años ligada a la historia de Maicao [The Mosque of Omar Ibn Al-Khattab, 10 years linked to the history of Maicao], in El Informador, 17 settembre 2007. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica