Apri il menu principale
Museo civico di Fondi
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFondi
IndirizzoPiazza Matteotti s.n.c.
Caratteristiche
TipoArcheologico - Pinacoteca

Il Museo civico è sito in piazza Matteotti s. n.c. a Fondi (provincia di Latina)

StoriaModifica

Nel 1844 si hanno i primi tentativi, da parte del sindaco di Fondi Giovanni Sotis, per raccogliere del materiale rinvenuto in alcuni scavi archeologici nella zona.

La prima allocazione fu l'ex-convento di San Domenico.

La seconda fu il chiostro dell'ex-convento di San Francesco.

L'allestimento fu curato dall'archeologo D. Faccenna il quale adagiò le opere lungo le pareti del chiostro.

Attualmente parte delle opere è sita in questa sede, ma si sta cercando una nuova sede per via dei furti vandalici avvenuti nel corso degli anni.

Nel 1997 è stata inaugurata la prima tranche del nuovo museo civico il quale, ora è suddiviso in 4 sezioni:

  • la preistorica;
  • la romana;
  • la medievale
  • una pinacoteca.

Attualmente sono aperte solo le sezioni romana e medievale.

Lista delle principali opere esposteModifica

  • Statua acefala di togato. Nella mano destra tiene il balteus. È in pietra calcarea a grandezza naturale.
  • Statua femminile in trono. I piedi sono poggianti con le gambe accavallate. La postura fa pensare ad una Pudicitia in voga tra il I secolo a.C. ed il I d.C.
  • Un sarcofago. È in marmo. È di epoca protocostantiniana (312-325 d.C.). La superficie è a strigilature. Varie immagini bibliche sono sui lati.
  • Rilievo funerario a finestra con busti di età augustea.
  • Lastra marmorea di età imperiale.
  • Anfora per vino del tipo Dressell.
  • Ara funeraria di prima età imperiale con epigrafe con rappresentazioni di patera ed urceus.
  • Resti ai architrave del I secolo d.C. rinvenuta in Via Manzoni nel 1935. Ha una lunghezza di 7 m.
  • Erma barbuta con riccioli divisi in 3 parti.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Museo Civico di Fondi, Imagestudio, 2007. URL consultato il 5 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2008).