Apri il menu principale
Museo della paglia e dell'intreccio
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFirenze
IndirizzoVia degli Alberti, 11
Caratteristiche
TipoModa
Sito web
Cucitura dei cappelli di paglia a Lastra a Signa, inizio dell'XX secolo.

Il museo della paglia e dell'intreccio è uno spazio espositivo dove si conserva e promuove la tradizionale produzione della paglia per trecce e per cappelli, in particolare nel distretto di Signa[1], che dall'inizio del XVIII secolo ha caratterizzata l'economia toscana.

Aperto nel 1997, sua sede si trova a Signa nell'edificio comunale che ospita anche la Biblioteca Comunale e l'Archivio storico del Comune.

Il museo è dedicato a Domenico Michelacci, fondatore dell'industria della paglia e del cappello a Signa, che nel 1718, riesce a selezionare un tipo di grano detto "marzuolo", destinato unicamente all'intreccio.

Suddiviso in più sale espositive con presentazioni permanenti e mostre tematiche, il museo raccoglie attrezzature, materie prime, manufatti, campionari, materiale iconografico, documenti ed archivi di aziende che testimoniano l'intera filiera di lavorazione del cappello di paglia. E'presente anche una ricca collezione di manufatti intrecciati provenienti da varie parti del mondo.

NoteModifica

  1. ^ Sembra che già nel secolo XIV, i contadini della zona di Signa avessero imparato ad intrecciare la paglia per farne cappelli. Enciclopedia Treccani in linea

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica