NGC 5020

galassia nella costellazione della Vergine
NGC 5020
Galassia a spirale barrata
NGC5020 - SDSS DR14.jpg
La galassia a spirale barrata NGC 5020
Scoperta
ScopritoreWilliam Herschel[1]
Data12 aprile 1784[1]
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneVergine
Ascensione retta13h 12m 39.87s[3]
Declinazione+12° 35′ 59,1″[3]
Distanza176,2±12,4 milioni a.l.  
Magnitudine apparente (V)10,80[3]
Redshiftz = 0,01121±0,00001[3]
Velocità radiale3361,873±2,098 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia a spirale barrata
ClasseSBbc[2]
Altre designazioni
UGC 8289,[4] PGC 45883[2]
Mappa di localizzazione
NGC 5020
Virgo IAU.svg
Categoria di galassie a spirale barrata

Coordinate: Carta celeste 13h 12m 39.87s, +12° 35′ 59.1″

NGC 5020 è una galassia a spirale barrata a circa 176 milioni di anni luce in direzione della costellazione della Vergine.[3] Con le galassie PGC 45741 e PGC 45750, forma il piccolo gruppo LGG 335.[5]

Ha una magnitudine apparente nel visibile pari a 10,8[3] e dimensioni di 3,10 × 2,7 arcominuti.[1][2]

NGC 5020 fu scoperta da William Herschel il 12 aprile 1784.[1]

È stata sede delle supernove SN 1991J (di tipo II) e SN 2015D (di tipo IIP).[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e C. SeligmanNGC 5020.
  2. ^ a b c (EN) Wolfgang Steinicke, Revised NGC Data for NGC 5020, in Revised New General Catalogue and Index Catalogue, 10 marzo 2019. URL consultato il 18 aprile 2020.
  3. ^ a b c d e f NED NASA/IPAC Extragalactic Database.
  4. ^ a b SIMBAD.
  5. ^ A. M. Garcia, pp. 56 e 80, 1993.

BibliografiaModifica

  • (EN) A. M. Garcia, General study of group membership. II. Determination of nearby groups, in Astronomy and Astrophysics, Suppl. Ser., vol. 100, luglio 1993, pp. 47-90, Bibcode:1993A&AS..100...47G.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) NGC 5020 -- Galaxy, in SIMBAD. URL consultato il 18 aprile 2020.
  • (EN) NGC 5020, in NED NASA/IPAC Extragalactic Database, Infrared Processing and Analysis Center, NASA. URL consultato il 18 aprile 2020.
  • (EN) Hartmut Frommert (a cura di), NGC 5020, in Spider. URL consultato il 18 aprile 2020.
  • (EN) Courtney Seligman, NGC Objects: NGC 5000 - 5049, in Celestial Atlas. URL consultato il 18 aprile 2020.
  Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari