National Historic Landmark

classificazione statunitense di monumenti o luoghi di rilevanza storica

Negli Stati Uniti, il National Historic Landmark è una classificazione ufficiale attribuita a luoghi, o monumenti, considerati per l'interesse storico di livello nazionale di cui essi sono portatori. Nel 2003, erano meno di 2500, cioè circa 4% delle unità iscritte al National Register of Historic Places. I National Historic Landmark non sono realmente monumenti protetti, la legge federale non dà alcun obbligo specifico per il proprietario. In compenso, gli aiuti federali possono essere accompagnati da diverse obbligazioni di messa in valore. Gli enti locali possono anche adottare misure per la preservazione dei landmark[1].

Insegna di un luogo classificato come National Historic Landmark

Scelta dei luoghiModifica

Il National Historic Landmark è scelto dal Segretario degli Interni degli Stati Uniti con parere del National Park Service, che è incaricato della gestione delle unità. I luoghi sono scelti con questi criteri:

  • quelli dove si sono verificati eventi storici nazionali
  • quelli dove hanno vissuto o lavorato personaggi famosi
  • quelli che comprendono ideali che hanno dato lustro alla nazione
  • le costruzioni notevoli
  • le aree che caratterizzano un certo modo di vita
  • le zone archeologiche ricche d'informazioni.

Lavorando con i cittadini, il programma del National Historic Landmarks elabora i suoi progetti sotto la competenza del National Park Service, che è incaricato di nominare i nuovi monumenti e mantenere i monumenti storici esistenti.

Esiste anche un'associazione, la National Historic Landmark Stewards Association, che opera per mantenere, proteggere e promuovere questi monumenti storici.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica