Nodi coreani

Il nodo coreano, conosciuto anche come Maedeup[1] (in coreano 매듭) è un lavoro artigianale tipico della tradizione coreana. È una delle forme artistiche coreane più antiche, poiché risale all'età della pietra[2]. Questa particolare forma artistica varia a seconda della tipologia del nodo realizzato, e sono altrettanti vari gli usi che ne sono stati fatti. Per la sua bellezza e la sua importanza, l'arte della creazione dei nodi tradizionali coreani è stata riconosciuta come “Importante proprietà culturale intangibile numero 22[3]”.

Maedeup, nodi coreani

StoriaModifica

La storia dei nodi tradizionali coreani risale all'età della pietra. Sono stati trovati affreschi e dipinti buddisti risalenti al periodo Goryeo (918-1392)[2] e altri dipinti e bambole di argilla risalenti al periodo Joseon[2], raffiguranti i nodi coreani. Ad oggi si è a conoscenza del fatto che nell'era dei Tre Regni [3](Baekje, Silla e Goguryeo) i cittadini coreani solevano indossare borsette di tela in cui i nodi giocavano un ruolo fondamentale: venivano realizzati per poter legare alla vita queste borse tipiche di quelle epoche. Durante il regno di Joseon (1392-1910) sono stati realizzati circa 38 differenti tipologie di nodi.[4] I maedeup hanno subito l'influenza della Cina, ma a loro volta hanno influenzato l'arte dei nodi giapponesi.

DesignModifica

Rispetto ai classici nodi, i nodi tradizionali dell'Asia del Nord (specialmente i nodi coreani) sono tridimensionali. Solitamente sono realizzati con funi di seta, erba, corteccia o cuoio. Il design dei maedeup è simmetrico: la parte anteriore del nodo è esattamente uguale alla parte posteriore. Le varie forme di un nodo coreano sogliono rappresentare piante o animali, tra cui la libellula, la cicala, l'ape, il fiore di loto, o il bocciolo di prugno.[5]

Creazione dei nodi coreaniModifica

 
Nodo coreano decorativo di un ingresso abitativo.
 
Norigae, accessorio di decoro degli Hanbok, realizzato con un nodo coreano. Risale alla dinastia Joseon.

Solitamente i nodi coreani venivano realizzati con corde di seta unite tra loro, di vario spessore.

Sono 4 gli step principali della preparazione di un maedeup[4]:

  1. Colorazione della corda
  2. Realizzazione della corda (in coreano 다회 o dahoe)
  3. Realizzazione del nodo (매듭 o maedeup)
  4. Realizzazione del fiocco finale (술 o sul)

In passato i vari passaggi venivano realizzati da differenti artigiani, mentre attualmente vengono realizzati da un unico artigiano.

Tipologie[4]Modifica

  • 도래매듭: nodo Dorae
  • 귀도래매듭: nodo Guidorae
  • 연봉매듭: nodo Yeonbong (bottone)
  • 생쪽매듭: nodo Saengjjok
  • 매화매듭: nodo Maehwa
  • 가락지매듭: nodo Garakji (palla)
  • 나비매듭: nodo Nabi (farfalla)
  • 국화매듭: nodo Gukhwa (Crisantemo)
  • 잠자리매듭: nodo Jamjari (libellula)
  • 병아리매듭: nodo Byeongari

Uso dei nodi coreaniModifica

I nodi coreani venivano e vengono tutt'oggi utilizzati come abbellimento di oggetti di uso quotidiano, a partire dai vestiti, in cui i maedeup servivano a decorare le vesti dell'uomo e della donna coreana per indicare il proprio status. Vennero utilizzati anche negli “noringae” (ovvero particolari accessori coreani che fanno da decoro agli hanbok), nei gioielli, nelle sacche o anche per decorare strumenti musicali.[2] Tra i vari usi dei maedeup, bisogna includere anche i nodi come “ornamenti” per le celebrazioni. I nodi, in questi casi, venivano utilizzati come accessori appesi alle lampade appese alle grondaie dei tetti, oppure decoravano la portantina di una neosposa. Nell'antichità venivano utilizzati anche come ornamento delle reti da pesca, o per la caccia. Ad oggi l'utilizzo di questo artigianato tradizionale non si limita solo all'abbellimento, ma aveva anche il valore di un talismano portatore di gioia e pace.

NoteModifica

  1. ^ Naver Korean-English Dictionary, su korean.dict.naver.com.
  2. ^ a b c d Maedeup, just enough in every way, su kocis.go.kr.
  3. ^ a b Knot Dying Out: Maedeup, su kocis.go.kr.
  4. ^ a b c 매듭/Maedeup: Knots That Connect the Present and the Past, su overseas.mofa.go.kr.
  5. ^ Maedeupjang (Decorative Knotting), su english.cha.go.kr.
  Portale Corea: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Corea