Nonno

grado di parentela (genitore di un genitore)
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Nonna (disambigua) o Nonni (disambigua).

I nonni, rispettivamente il nonno (dal Latino tardo: Nonnus, « monaco, balio »[1]) e la nonna, sono i genitori dei genitori di una persona.

Albero genealogico

Sono detti "nonni paterni" i genitori del padre, e "nonni materni" i genitori della madre. In italiano e in molte altre lingue, con il termine "nonni si posso intendere sia i nonni materni, sia quelli paterni. In altre lingue, come lo svedese e il norvegese, i nonni paterni e materni vengono indicati con termini distinti.

Relazioni modifica

  • I genitori dei nonni sono i bisnonni
  • I nonni dei nonni sono i trisnonni
  • I fratelli dei nonni sono i prozii, le sorelle sono prozie
  • I figli dei propri nonni sono i genitori o gli zii
  • I genitori del nonno paterno sono i bisnonni pater-paterni.
  • I genitori della nonna paterna sono i bisnonni mater-paterni.
  • I genitori del nonno materno sono i bisnonni pater-materni.
  • I genitori della nonna materna sono i bisnonni mater-materni.

Coinvolgimento nell'assistenza all'infanzia modifica

I nonni stanno cambiando i loro ruoli nel mondo contemporaneo[2], soprattutto perché sono sempre più coinvolti nella cura dei bambini. Secondo uno studio del 2012 basato sui dati del censimento e di un sondaggio del 2010, circa il 10% dei bambini negli Stati Uniti vive in una famiglia che include un nonno[3]. Di questi, circa un terzo vive in una famiglia composta da due genitori e un nonno[3]. Allo stesso modo, oltre il 40% dei nonni in 11 paesi europei si prende cura dei propri nipoti in assenza dei genitori. In Gran Bretagna, circa il 63% dei nonni si prende cura dei nipoti di età inferiore ai 16 anni[4]. Il coinvolgimento dei nonni è comune anche nelle società orientali[4]. Ad esempio, il 48% dei nonni di Hong Kong ha dichiarato di prendersi cura dei propri nipoti[5]. In Cina, circa il 58% dei nonni cinesi di età pari o superiore a 45 anni si occupa di assistenza all'infanzia[6]. A Singapore, il 40% dei bambini dalla nascita ai tre anni è accudito dai nonni e questa percentuale è ancora in aumento[7]. In Corea del Sud, il 53% dei bambini di età inferiore ai 6 anni è accudito dai nonni[8]. Pertanto, i nonni che si prendono cura dei nipoti sono diventati un fenomeno diffuso in tutto il mondo.

Ci sono alcuni motivi per cui il coinvolgimento dei nonni sta diventando sempre più diffuso. In primo luogo, l'aspettativa di vita è aumentata mentre i tassi di fertilità sono diminuiti. Ciò significa che più bambini stanno crescendo mentre i loro nonni sono ancora vivi e in grado di essere coinvolti nella cura dei bambini[3]. Inoltre, i ridotti tassi di fecondità fanno sì che i nonni possano dedicare maggiori attenzioni e risorse ai loro unici nipoti[9]. In secondo luogo, più madri sono coinvolte nella forza lavoro e, quindi, devono essere presenti altri tutori per prendersi cura del bambino[3]. Ad esempio, a Hong Kong, il 55% dei nonni ha riferito di essersi preso cura del nipote perché i suoi genitori devono lavorare[10]. In Corea del Sud, il 53% delle madri che lavorano ha riferito di aver ricevuto una volta servizi di assistenza all'infanzia dai genitori[8]. In terzo luogo, il crescente numero di famiglie monoparentali crea un bisogno di sostegno da parte dei nonni[11].

Il grado di coinvolgimento dei nonni varia anche a seconda del contesto sociale, come le politiche di assistenza sociale. Ad esempio, in paesi europei come la Svezia e la Danimarca, dove l'assistenza all'infanzia formale è ampiamente disponibile, i nonni forniscono un'assistenza ai nipoti meno intensiva[4]. Al contrario, in paesi europei come la Spagna e l'Italia, dove l'assistenza all'infanzia formale è limitata e il pagamento del welfare è basso, i nonni forniscono un'assistenza ai nipoti più intensiva[4]. A Singapore, nel 2004 è stato istituito lo sgravio fiscale per i nonni che si prendono cura dei nonni, che consente ai genitori che lavorano (cittadini di Singapore con figli di età pari o inferiore a 12 anni) i cui figli sono assistiti da nonni disoccupati di ricevere uno sgravio fiscale di 3.000 dollari di Singapore[7].

Tipi modifica

Esistono diversi tipi di coinvolgimento dei nonni, inclusi nonni non residenti, nonni co-residenti, famiglia mantenuta dai nonni e nonni affidatari[12][13].

  • Nonni non residenti: nonni che non vivono con i nipoti, ma si prendono cura di loro[12][13], ad esempio andando a prenderli a scuola.
  • Nonni conviventi: nonni che vivono con il nipote, così come i genitori. Questo tipo di famiglia è anche noto come "famiglie di tre generazioni"[12]. Secondo un rapporto che utilizza i dati del censimento del 2010 dell'American Community Survey (ACS), del Current Population Survey (CPS) e del Survey of Income and Program Participation (SIPP), è più probabile che i nonni conviventi siano in povertà e soffrano di una malattia o di una disabilità[3].
  • Famiglie mantenute dai nonni: un nonno che è responsabile della famiglia. In questo tipo di famiglia, i genitori possono o meno essere presenti[3]. Negli Stati Uniti, il 33% dei bambini che vivono in una famiglia mantenuta dai nonni hanno solo i nonni presenti; questo è paragonabile ad un altro 30% che vive con una nonna e uno o più genitori[3].
  • Nonni affidatari: nonni che allevano i nipoti senza la presenza in casa dei genitori dei nipoti. Questo tipo di coinvolgimento è particolarmente comune tra i gruppi di minoranze etniche[14]. Ad esempio, circa il 50% dei nonni affidatari negli Stati Uniti appartiene a un gruppo di minoranza etnica[15]. In generale, i nonni adottano il ruolo di accudimento primario per vari motivi, ad esempio quando i genitori sono morti, sono stati imprigionati, sono stati arruolati come militari o hanno perso la custodia dei loro figli a causa di negligenza o abuso[12][13].

Impatto modifica

Sui nipoti modifica

I nonni hanno funzioni diverse nello sviluppo del bambino. Non solo forniscono un supporto strumentale come andare a prendere i nipoti a scuola o dar loro da mangiare, ma offrono anche un supporto emotivo[16]. Inoltre, i nonni proteggono i bambini dall'impatto di circostanze negative, come genitorialità dura, condizioni economiche precarie e famiglie monoparentali[17][18]. Oltre a fornire sostegno, i nonni possono anche aiutare i nipoti con i compiti scolastici o insegnare loro valori che sono parte integrante della loro società[16].

I nonni possono avere un impatto positivo o negativo sullo sviluppo del bambino. Da un lato, ricerche precedenti suggeriscono che i bambini e gli adolescenti che hanno uno stretto rapporto con i nonni tendono ad avere un migliore benessere, sperimentano meno problemi emotivi e mostrano meno comportamenti problematici[17][18]. Sono anche più impegnati accademicamente e hanno maggiori probabilità di aiutare gli altri[19]. D'altra parte, ci sono anche studi di ricerca che indicano che il coinvolgimento dei nonni è associato a una maggiore iperattività e difficoltà tra i coetanei tra i bambini piccoli[20]. In altre parole, i bambini accuditi dai nonni possono avere maggiori problemi di relazione interpersonale[20]. Inoltre, i bambini che sono sotto la cura dei loro nonni hanno esiti di salute peggiori come l'obesità e più infortuni a causa della scarsa consapevolezza della sicurezza[21].

Sui nonni modifica

Poiché prendersi cura dei nipoti potrebbe essere un lavoro molto impegnativo che richiede costante energia e dedizione del tempo[22], il coinvolgimento dei nonni nell'educazione dei figli potrebbe avere un impatto negativo sulla salute fisica ed emotiva dei nonni. Ad esempio, prendersi cura dei nipoti può ridurre il tempo dei nonni per la cura di sé, come perdere gli appuntamenti medici. Pertanto, è probabile che abbiano maggiori possibilità di soffrire di problemi di salute fisica[23]. Negli Stati Uniti, rispetto a coloro che non si prendono cura dei propri nipoti, i nonni coinvolti nella cura dei bambini hanno maggiori probabilità di avere cattive condizioni fisiche, come malattie cardiache, ipertensione o dolori muscolari[24]. Oltre ai problemi di salute fisica, è probabile che i nonni abbiano anche problemi emotivi. Allevare di nuovo bambini piccoli infatti potrebbe essere un'esperienza stressante e travolgente e quindi provocare diversi tipi di emozioni negative come ansia o depressione[25]. Oltre ai problemi fisici ed emotivi, i nonni coinvolti nella cura dei nipoti possono anche soffrire socialmente. Ad esempio, i nonni saranno costretti a limitare le loro attività sociali per prendersi cura dei nipoti. In tal modo, i nonni diventano più isolati dalle loro relazioni sociali[26]. Prendersi cura dei nipoti significa anche maggiori responsabilità e quindi i nonni possono temere per il benessere futuro dei loro nipoti a causa della loro disabilità e morte in futuro[27]. Se i nonni non sono in grado di gestire bene il ruolo di tutore dei loro nipoti, questa attività può alla fine diventare un peso o un fattore di stress e portare problemi di salute fisica ed emotivi più gravi ai nonni[28].

Tuttavia, ci sono anche effetti positivi nell'essere coinvolti nella crescita dei nipoti. Rispetto ai nonni che non si prendono cura dei nipoti, coloro che lo fanno con orari prolungati hanno maggiori probabilità di avere funzioni cognitive migliori[29]. Per essere più specifici, prendersi cura dei nipoti aiuta i nonni più anziani a mantenere le loro capacità mentali in età avanzata e hanno meno probabilità di sviluppare malattie come la demenza[30]. Inoltre, le frequenti interazioni con i nipoti potrebbero ridurre il processo di invecchiamento cognitivo, consentendo ai nonni di vivere una vita più vivace e attiva[12]. Anche i nonni traggono benefici dall'esercizio fisico durante questo processo[31].

Prendersi cura dei nipoti può anche avere benefici sulla salute emotiva dei nonni. Ad esempio, molti nonni iniziano a sentire di nuovo uno scopo e un significato nella vita dopo il loro pensionamento; come altro esempio, si rafforzano anche i loro legami con i figli e nipoti adulti[32]. Molti nonni pensano anche che l'esperienza di accudimento sia positiva perché offre loro un'altra possibilità di rimediare agli errori commessi con i propri figli e offre loro maggiori opportunità di educare i nipoti e migliorare i loro stili genitoriali[33].

Confronti culturali modifica

Il coinvolgimento dei nonni differisce tra le culture occidentali e orientali. I nonni che si prendono cura dei nipoti sono un fenomeno comune in Cina a causa delle tradizioni cinesi che enfatizzano l'armonia familiare, il benessere collettivo, gli scambi intergenerazionali e le responsabilità filiali[28]. Le filosofie uniche della Cina, buddismo e taoismo, svolgono un ruolo importante nella formazione di questi valori culturali. Mentre il buddismo cinese sottolinea il ruolo prioritario della famiglia nella società cinese e le relazioni armoniose tra i membri della famiglia[34], il taoismo sottolinea l'importanza dell'armonia nelle relazioni interpersonali e nelle relazioni tra la natura e gli esseri umani[35]. Queste filosofie sottolineano il ruolo importante che le famiglie svolgono nelle culture cinesi. Oltre ai fattori culturali, i nonni che si prendono cura dei nipoti compaiono anche nel contesto in cui i figli adulti hanno bisogno di lavorare a tempo pieno e i servizi di assistenza all'infanzia sono o troppo costosi (nelle grandi città) o troppo scarsi (nelle aree remote)[28][36]. I nonni che si prendono cura dei loro nipoti sono particolarmente comuni nella Cina rurale. A causa del rapido sviluppo dell'urbanizzazione in Cina dagli anni '80, fino a 220 milioni di lavoratori migranti dalle aree rurali si trasferiscono nelle aree urbane per cercare maggiori opportunità di lavoro, lasciando circa 58 milioni di bambini nelle aree rurali[36], i nonni, quindi, assumono il ruolo di genitori e diventano custodi dei nipoti. In questo contesto appare una nuova popolazione chiamata "nonni lasciati indietro" o "nonni abbandonati"[37], questi nonni vivono nella Cina rurale e il loro compito principale è prendersi cura dei nipoti, la maggior parte di questi nonni si trova ad affrontare oneri finanziari e vorrebbe che i loro figli adulti ritornino. La salute mentale e fisica dei "nonni abbandonati" richiede maggiore attenzione da parte del pubblico[38]. Anche se nelle aree urbane sono disponibili servizi di assistenza all'infanzia, quasi tutti i nonni preferiscono ancora prendersi cura dei propri nipoti volontariamente. Non solo perché questo può ridurre gli oneri finanziari dei loro figli adulti sui servizi di assistenza all'infanzia, ma anche prendersi cura dei propri nipoti è un modo più efficace per mantenere l'armonia familiare[28].

Negli Stati Uniti, prendersi cura dei nipoti non è una responsabilità necessaria dei nonni. I nonni che si prendono cura dei nipoti sono spesso colpiti da eventi involontari o crisi, ed è più come una soluzione a un problema, non un desiderio di iniziativa, che è una netta differenza rispetto all'approccio cinese[27]. Ad esempio, i nonni negli Stati Uniti spesso si prendono cura dei loro nipoti quando i loro figli adulti si trovano in difficoltà come l'abuso di sostanze, l'incarcerazione o la morte dei genitori[27][39]. Esistono differenze anche in diverse etnie negli Stati Uniti. Gli individui caucasici generalmente considerano l'indipendenza individuale più importante, quindi è meno probabile che i nonni si prendano cura dei nipoti. Tuttavia, è più probabile che gli afroamericani e i latini considerino la cura dei nipoti come una tradizione di famiglia e sono più disposti a fornire aiuto ai loro figli adulti[40]. Le differenze etniche nei nonni che si prendono cura dei loro nipoti riflettono diversi valori culturali che i diversi gruppi etnici detengono. Per essere più specifici, è più probabile che i nonni afroamericani forniscano guida e disciplina ai loro nipoti a causa del loro sistema familiare flessibile in cui parenti e parenti non di sangue sono tutti disposti ad aiutarsi a vicenda[41]. Le famiglie latine hanno una forte preferenza per vivere insieme e mantenere frequenti contatti con i membri della famiglia perché la maggior parte di loro sono immigrati o di prima generazione nati negli Stati Uniti, è più probabile che vivano e funzionino come un'unità. Anche i nonni nella cultura latina svolgono un ruolo importante nella stabilizzazione dell'unità familiare come leader della famiglia[42]. Sebbene i nonni caucasici abbiano meno probabilità di crescere i propri nipoti[43], hanno maggiori oneri cognitivi o fisici nel prendersi cura dei nipoti rispetto ad altri gruppi etnici[44], principalmente perché i loro ruoli di tutori sono meno normativi e si affidano maggiormente a stili genitoriali a distanza o di compagnia. Al contrario, i nonni afroamericani e latini si affidano maggiormente a stili genitoriali disciplinari e istruttivi e hanno meno probabilità di avere oneri cognitivi o fisici quando si prendono cura dei nipoti[45].

Galleria d'immagini modifica

Note modifica

  1. ^ nònno - Vocabolario Treccani, su treccani.it.
  2. ^ (EN) Gay Ochiltree, The changing role of grandparents, in Child Family Community Australia, 24 novembre 2006. URL consultato il 23 agosto 2018.
  3. ^ a b c d e f g Renee Ellis e Tavia Simmons, Coresident Grandparents and Their Grandchildren: 2012 (PDF), su census.gov, ottobre 2014.
  4. ^ a b c d (EN) Karen Glaser, Debora Price, Eloi Ribe Montserrat, Giorgio di Gessa e Anthea Tinker, Grandparenting in Europe: Family policy and grandparents' role in providing childcare (PDF), su Kinship, marzo 2013. URL consultato il 29 novembre 2023 (archiviato il 19 dicembre 2022).
  5. ^ Family Survey 2015 (PDF), su Family Council, novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  6. ^ Pei-Chun Ko e Karsten Hank, Grandparents caring for grandchildren in China and Korea: Findings from CHARLS and KLoSA, in The Journals of Gerontology: Series B, vol. 69, n. 4, 2013, pp. 646–651, DOI:10.1093/geronb/gbt129, PMID 24378959.
  7. ^ a b Leng Leng Thang, Kalyani Mehta, Tsuneo Usui e Mari Tsuruwaka, Being a Good Grandparent: Roles and Expectations in Intergenerational Relationships in Japan and Singapore, in Marriage & Family Review, vol. 47, n. 8, 1º dicembre 2011, pp. 548–570, DOI:10.1080/01494929.2011.619303, ISSN 0149-4929 (WC · ACNP).
  8. ^ a b Hye Jin Kim, Grandparents providing care for grandchildren and employment status of grandparents in South Korea, in Journal of Women & Aging, vol. 30, n. 1, 2 febbraio 2017, pp. 49–61, DOI:10.1080/08952841.2016.1259443, ISSN 0895-2841 (WC · ACNP), PMID 28151086.
  9. ^ Sara Arber e Virpi Timonen, Grandparenting in the 21st century: New directions, in Arber e Timonen (a cura di), Contemporary Grandparenting: Changing Family Relationships in Global Contexts, Great Britain, The Policy Press, 2012, pp. 247–264.
  10. ^ Family Survey 2015 (PDF), su Family Council, novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  11. ^ TianYuan Lam, Chun Bun Lam e Kevin Ka-Shing Chan, Grandparental involvement and young adults' cognitive and social adjustment: The moderating role of filial piety in Hong Kong, in Journal of Social and Personal Relationships, vol. 35, n. 7, 2017, pp. 999–1018, DOI:10.1177/0265407517702011.
  12. ^ a b c d e Rachel Dunifon, The influence of grandparents on the lives of children and adolescents, in Child Development Perspectives, vol. 7, 2012, pp. 55–60, DOI:10.1111/cdep.12016.
  13. ^ a b c Platt Jendrek Margaret, Grandparents who parent their grandchildren: circumstances and decisions, in The Gerontologist, vol. 34, n. 2, 1994, pp. 206–216, DOI:10.1093/geront/34.2.206, PMID 8005493.
  14. ^ Merle Kataoka-Yahiro, Clementina Ceria e Rick Caulfield, Grandparent caregiving role in ethnically diverse families, in Journal of Pediatric Nursing, vol. 19, n. 5, 2004, pp. 315–328, DOI:10.1016/j.pedn.2004.05.010, PMID 15614256.
  15. ^ Bart Stykes, Wendy D. Manning e Susan L. Brown, Grandparenthood in the U.S.: Residence Status of Grandparents (PDF), su bgsu.edu. URL consultato il 20 novembre 2017.
  16. ^ a b Ling Xu e Iris Chi, Ageing and grandparenting in Asia, in Quah (a cura di), Routledge handbook of families in Asia, New York, Routledge, 2015, pp. 246–258.
  17. ^ a b Melissa A. Barnett, Laura V. Scaramella, Tricia K. Neppl, Lenna L. Ontai e Rand D. Conger, Grandmother involvement as a protective factor for early childhood social adjustment, in Journal of Family Psychology, vol. 24, n. 5, 2010, pp. 635–645, DOI:10.1037/a0020829, PMC 2976599, PMID 20954774.
  18. ^ a b Sarah A. Ruiz e Merril Silverstein, Relationships with grandparents and the emotional well-being of late adolescent and young adult grandchildren, in Journal of Social Issues, vol. 63, n. 4, 2007, pp. 793–808, DOI:10.1111/j.1540-4560.2007.00537.x.
  19. ^ Jeremy B Yorgason, Laura Padilla-Walker e Jami Jackson, Nonresidential grandparents' emotional and financial involvement in relation to early adolescent grandchild outcomes, in Journal of Research on Adolescence, vol. 21, n. 3, 2011, pp. 552–558, DOI:10.1111/j.1532-7795.2010.00735.x.
  20. ^ a b Emma Fergusson, Barbara Maughan e Jean Golding, Which children receive grandparental care and what effect does it have?, in Journal of Child Psychology and Psychiatry, vol. 49, n. 2, 2007, pp. 161–169, DOI:10.1111/j.1469-7610.2007.01840.x, PMID 17979960.
  21. ^ Elizabeth R. Pulgaron, Ashley N. Marchante, Yaray Agosto, Cynthia N. Lebron e Alan M. Delamater, Grandparent involvement and children's health outcomes: the current state of the literature, in Families, Systems and Health, vol. 34, n. 3, 2016, pp. 260–269, DOI:10.1037/fsh0000212, PMC 5025375, PMID 27505069.
  22. ^ Helen Winefield e Tracy Air, Grandparenting, in International Journal of Evidence-Based Healthcare, vol. 8, n. 4, 2010, pp. 277–283, DOI:10.1111/j.1744-1609.2010.00187.x, PMID 21140984.
  23. ^ Lindsey A. Baker e Merril Silverstein, Depressive Symptoms Among Grandparents Raising Grandchildren: The Impact of Participation in Multiple Roles, in Journal of Intergenerational Relationships, vol. 6, n. 3, 8 settembre 2008, pp. 285–304, DOI:10.1080/15350770802157802, ISSN 1535-0770 (WC · ACNP), PMC 2772115, PMID 19890447.
  24. ^ Sunmin Lee, Graham Colditz, Lisa Berkman e Ichiro Kawachi, Caregiving to Children and Grandchildren and Risk of Coronary Heart Disease in Women, in American Journal of Public Health, vol. 93, n. 11, 1º novembre 2003, pp. 1939–1944, DOI:10.2105/ajph.93.11.1939, ISSN 0090-0036 (WC · ACNP), PMC 1448080, PMID 14600070.
  25. ^ (EN) Carol Musil, Camille Warner, Jaclene Zauszniewski, May Wykle e Theresa Standing, Grandmother Caregiving, Family Stress and Strain, and Depressive Symptoms, in Western Journal of Nursing Research, vol. 31, n. 3, 19 novembre 2008, pp. 389–408, DOI:10.1177/0193945908328262, PMC 2883890, PMID 19261805.
  26. ^ (EN) Glenda M. Ehrle e H. D. Day, Adjustment and family functioning of grandmothers rearing their grandchildren, in Contemporary Family Therapy, vol. 16, n. 1, 1º febbraio 1994, pp. 67–82, DOI:10.1007/bf02197603, ISSN 0892-2764 (WC · ACNP).
  27. ^ a b c (EN) Bert Hayslip e Patricia L. Kaminski, Grandparents Raising Their Grandchildren: A Review of the Literature and Suggestions for Practice, in The Gerontologist, vol. 45, n. 2, 1º aprile 2005, pp. 262–269, DOI:10.1093/geront/45.2.262, ISSN 0016-9013 (WC · ACNP), PMID 15799992.
  28. ^ a b c d (EN) Jing Zhou, Weiyu Mao, Yura Lee e Iris Chi, The Impact of Caring for Grandchildren on Grandparents' Physical Health Outcomes: The Role of Intergenerational Support, in Research on Aging, vol. 39, n. 5, 4 gennaio 2016, pp. 612–634, DOI:10.1177/0164027515623332, PMID 26733495.
  29. ^ (EN) Bruno Arpino e Valeria Bordone, Does Grandparenting Pay Off? The Effect of Child Care on Grandparents' Cognitive Functioning, in Journal of Marriage and Family, vol. 76, n. 2, 1º aprile 2014, pp. 337–351, DOI:10.1111/jomf.12096, ISSN 1741-3737 (WC · ACNP).
  30. ^ (EN) Robert M. Hauser e David Weir, Recent developments in longitudinal studies of aging in the United States, in Demography, vol. 47, n. 1, 1º marzo 2010, pp. S111–S130, DOI:10.1353/dem.2010.0012, ISSN 0070-3370 (WC · ACNP), PMC 4677668, PMID 21302430.
  31. ^ Mary Elizabeth Hughes, Linda J. Waite, Tracey A. LaPierre e Ye Luo, All in the Family: The Impact of Caring for Grandchildren on Grandparents' Health, in The Journals of Gerontology: Series B, vol. 62, n. 2, 1º marzo 2007, pp. S108–S119, DOI:10.1093/geronb/62.2.s108, ISSN 1079-5014 (WC · ACNP), PMC 2562755, PMID 17379680.
  32. ^ Ling Xu, Fengyan Tang, Lydia W. Li e Xin Qi Dong, Grandparent Caregiving and Psychological Well-Being Among Chinese American Older Adults—The Roles of Caregiving Burden and Pressure, in The Journals of Gerontology: Series A, vol. 72, suppl_1, 1º luglio 2017, pp. S56–S62, DOI:10.1093/gerona/glw186, ISSN 1079-5006 (WC · ACNP), PMID 28575256.
  33. ^ Martha R. Crowther, Chao-Hui (Sylvia) Huang e Rebecca S. Allen, Rewards and unique challenges faced by African-American custodial grandmothers: the importance of future planning, in Aging & Mental Health, vol. 19, n. 9, 2 settembre 2015, pp. 844–852, DOI:10.1080/13607863.2014.967175, ISSN 1360-7863 (WC · ACNP), PMID 25345592.
  34. ^ Kin Cheung (George) Lee, Alice Oh, Qianru Zhao, Fang-Yi Wu, Shiyun Chen, Thomas Diaz e Chez Kuang Ong, Repentance in Chinese Buddhism: Implications for Mental Health Professionals, in Journal of Spirituality in Mental Health, vol. 19, n. 3, 3 luglio 2017, pp. 210–226, DOI:10.1080/19349637.2016.1204258, ISSN 1934-9637 (WC · ACNP).
  35. ^ Ellen Marie Chen e Philosophy Documentation Center, Nothingness and the Mother Principle in Early Chinese Taoism, in International Philosophical Quarterly, vol. 9, n. 3, 1º agosto 1969, pp. 391–405, DOI:10.5840/ipq19699332.
  36. ^ a b Zhen Cong e Merril Silverstein, Caring for grandchildren and intergenerational support in rural China: a gendered extended family perspective, in Ageing & Society, vol. 32, n. 3, aprile 2012, pp. 425–450, DOI:10.1017/s0144686x11000420, ISSN 1469-1779 (WC · ACNP).
  37. ^ 【吾老吾幼·大山深处的留守】留守祖母:大山深处的奉献与思念_新闻频道_央视网(cctv.com), su news.cctv.com. URL consultato il 28 marzo 2023.
  38. ^ 留守奶奶去世多日无人知 1岁半孙女险饿死, su news.ifeng.com. URL consultato il 23 novembre 2017.
  39. ^ Meredith Minkler, Diane Driver, Kathleen M. Roe e Katherine Bedeian, Community Interventions To Support Grandparent Caregivers, in The Gerontologist, vol. 33, n. 6, 1º dicembre 1993, pp. 807–811, DOI:10.1093/geront/33.6.807, ISSN 0016-9013 (WC · ACNP), PMID 8314108.
  40. ^ (EN) Catherine Goodman e Merril Silverstein, Grandmothers Raising Grandchildren, in The Gerontologist, vol. 42, n. 5, 1º ottobre 2002, pp. 676–689, DOI:10.1093/geront/42.5.676, ISSN 0016-9013 (WC · ACNP), PMID 12351803.
  41. ^ Sandra Edmonds Crewe, Different Pathways to a Common Destiny, in Journal of Health & Social Policy, vol. 22, 3–4, 1º gennaio 2007, pp. 199–214, DOI:10.1300/J045v22n03_13, ISSN 0897-7186 (WC · ACNP), PMID 17855247.
  42. ^ Jacqueline L. Angel, Ronald J. Angel, Judi L. McClellan e Kyriakos S. Markides, Nativity, Declining Health, and Preferences in Living Arrangements Among Elderly Mexican Americans: Implications for Long-term Care, in The Gerontologist, vol. 36, n. 4, 1º agosto 1996, pp. 464–473, DOI:10.1093/geront/36.4.464, ISSN 0016-9013 (WC · ACNP), PMID 8771974.
  43. ^ (EN) Maximiliane Szinovácz, Handbook on Grandparenthood, Greenwood Publishing Group, 1998, ISBN 9780313298868.
  44. ^ Rachel Pruchno, Raising Grandchildren: The Experiences of Black and White Grandmothers, in The Gerontologist, vol. 39, n. 2, 1º aprile 1999, pp. 209–221, DOI:10.1093/geront/39.2.209, ISSN 0016-9013 (WC · ACNP), PMID 10224717.
  45. ^ Andrew J. Cherlin e Frank F. Furstenberg, The new American grandparent : a place in the family, a life apart, 1st Harvard University Press pbk., Cambridge, MA, Harvard University Press, 1992, ISBN 9780674029484, OCLC 434586472.
  46. ^ Mary Del Priore, O príncipe maldito : traição e loucura na família imperial, Objetiva, 2007, ISBN 978-85-7302-867-6, OCLC 180702443. URL consultato il 28 marzo 2023.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 3340 · LCCN (ENsh85056410 · GND (DE4022169-6 · BNE (ESXX535467 (data) · J9U (ENHE987007536000105171 · NDL (ENJA01112876
  Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia